Coldiretti E-R contro Accordo 2015 su vendita pomodori

campagna pomodoro da industria“Con l’accordo del pomodoro 2015, ha preso il via una vera e propria delegittimazione delle organizzazioni di prodotto e della contrattazione all’interno dell’organizzazione interprofessionale”.

Così Coldiretti Emilia-Romagna commenta in una nota l’intesa siglata tra industrie, cooperative e organizzazioni di prodotto per la campagna 2015. L’associazione degli agricoltori concentra le sue critiche non tanto sul tema del prezzo, quanto sui principi stessi dell’accordo.

Secondo il presidente regionale di Coldiretti Mauro Tonello, infatti, “è veramente devastante la possibilità dell’industria di contrattare l’acquisto di pomodoro fuori dal territorio e al di fuori del contratto interprofessionale”, dando così “il via libera a contratti privati tra singole industrie e singoli produttori, senza che questi quantitativi rientrino nel conteggio della produzione prevista dall’accordo”. Non Solo. “Il prezzo – aggiunge Tonelli – bloccato su quello del 2014, nonostante l’industria abbia chiesto un aumento della produzione, contraddice una regola fondamentale del mercato per cui con l’aumento della domanda dovrebbe aumentare anche il prezzo”.

Per Coldiretti, insomma, “è necessaria una serie riflessione sugli strumenti dell’interprofessione, lasciando scegliere ai produttori agricoli i sistemi di rappresentanza che preferiscono”, a patto che adottino “come prima regola la trasparenza e i veri contenuti degli accordi e delle richieste industriali”

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.