Coldiretti ER, con decreto su spandimenti a rischio aumento inquinamento

Aziende Agricole 1I terreni agricoli rischiano di diventare una discarica di materiali di diversa origine, dai fanghi di depurazione a generici digestati, con la previsione che il carico inquinante possa aumentare anche al di là dei limiti fissati dalle norme europee. È questo il parere di Coldiretti Emilia Romagna sul testo del decreto ministeriale che sarà esaminato domani, giovedì 13 novembre, nella Conferenza Stato-Regioni, sull’utilizzazione in campagna degli effluenti di allevamento, delle acque reflue e dei digestati prodotti da impianto di biogas.
“Dopo che lo studio dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) ha rilevato che il coinvolgimento degli allevamenti nelle problematiche ambientali e nell’inquinamento dei nitrati nelle acque, contrariamente a quanto detto per anni, sia del tutto trascurabile o, quantomeno, minimo – ha detto il presidente di Coldiretti Emilia Romagna Mauro Tonello – c’è il rischio di vedere oggi legittimato l’inquinamento di suolo e di acque senza nessun controllo”.
Coldiretti Emilia Romagna ha perciò scritto una lettera all’assessore regionale all’Agricoltura, Tiberio Rabboni, con la proposta di modifiche al decreto che vadano incontro alla necessità delle imprese agricole nella gestione di sostanze derivanti dai normali cicli di produzione, attraverso procedure semplificate e con modalità attente alla salvaguardia ambientale.
“Conosciamo bene la precedente strumentalizzazione dell’impatto dei nitrati sull’ambiente, di cui sono stati considerati responsabili gli allevamenti, con una evidente distorsione della verità – ha detto il direttore di Coldiretti Emilia Romagna, Marco Allaria Olivieri – adesso che studi più attenti e dettagliati hanno individuato una significativa e prevalente responsabilità di fonti diverse dall’agricoltura, non vorremmo che venissero aperti i campi e le acque ad altre fonti inquinanti, con rischi incontrollabili per una agricoltura come quella emiliano-romagnola che sul suo territorio produce alimenti tipici e di qualità”.

2 Commenti in “Coldiretti ER, con decreto su spandimenti a rischio aumento inquinamento”

  • tripper scritto il 12 novembre 2014 pmmercoledìWednesdayEurope/Rome 14:19

    dico, ma stiamo scherzando? chi parla non sa neanche cosa sia il digestato. allucinante

  • Gianni scritto il 19 novembre 2014 pmmercoledìWednesdayEurope/Rome 14:22

    Questa è gente che ripete la messa che gli viene raccontata a Roma.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.