Coldiretti ER, il biologico salva l’agricoltura di montagna

Bobbio3L’agricoltura delle zone svantaggiate dell’Emilia Romagna parla biologico. Due aziende su tre delle aziende agricole biologiche attive in Emilia Romagna operano, infatti, in collina e montagna. Lo affermano Coldiretti e Campagna Amica dell’Emilia Romagna, che alla vigilia del Sana, salone del biologico e del naturale, hanno realizzato in piazza XX settembre a Bologna, una mostra mercato di prodotti e aziende biologiche dell’agricoltura regionale.
Il 65,7% delle oltre 3.000 aziende agricole biologiche regionali – afferma Coldiretti – opera in zone svantaggiate di collina e montagna dove, grazie all’uso di tecniche agricole biologiche, danno un contributo importante per la salvaguardia dell’ambiente e la difesa del suolo. La scelta della qualità e delle produzioni tipiche – sostiene Coldiretti – contribuisce a valorizzare il territorio sul piano sociale ed economico e la scelta del biologico consente la permanenza di aziende in aree dove l’agricoltura, a causa delle difficolta ambientali, rischia l’abbandono. Non è un caso che, secondo i dati Istat, il rapporto tra il totale delle aziende agricole dell’Emilia Romagna e quelle che operano in collina e montagna è praticamente rovesciato rispetto alle aziende biologiche. Infatti, solo il 37,3% delle 73.466 aziende agricole totali sono attive al di fuori delle aree di pianura.
Il contributo che la scelta della qualità e del biologico danno alla permanenza delle imprese agricole in collina e montagna è confermato dai dati di Coldiretti Giovani Impresa regionale, secondo cui il 30 per cento delle imprese biologiche è condotto da giovani al di sotto dei 40 anni e bel il 50% delle aziende bio ha almeno un giovane all’interno del nucleo familiare.
L’accresciuto interesse per i prodotti biologici – commenta Coldiretti – è anche frutto della decisa svolta dei consumi e della produzione, che a seguito del ripetersi di scandali alimentari (dalla mucca pazza alla mozzarella blu) hanno spinto consumatori e produttori ad orientarsi verso prodotti maggiormente sostenibili e di qualità.
Per rispondere all’aumento dei consumi e degli operatori, Coldiretti ha costituito “CertoBio” (Consorzio emiliano romagnolo tra operatori biologici), un consorzio che raccoglie gli operatori biologici di tre Consorzi Agrari (Adriatico, dell’Emilia e di Piacenza), del consorzio ortofrutticolo “Fattorie Estensi” e della cooperativa Agripiace di Piacenza.
CertoBio – spiega Coldiretti – non associa solo aziende agricole, ma tutti gli operatori, dai produttori ai trasformatori ai commercianti di prodotti bio. L’obiettivo è organizzare una filiera agricola tutta italiana per rifornire mense pubbliche e private e consumatori finali con prodotti provenienti da territori il più possibile vicino al luogo di consumo.
In piazza a Bologna, Coldiretti e Campagna Amica hanno portato prodotti biologici unici, come il Grana Padano delle colline piacentine, il solo Grana Padano biologico in Italia, prodotto dal consorzio Agripiace, i formaggi erborinati della “Selva romanesca”, azienda che alleva capre a Frassinoro, in una delle aree più povere dell’Appennino modenese dove contribuisce alla gestione e alla conservazione del paesaggio; il latte d’asina in polvere dell’azienda Montebaducco di Quattro Castella (RE), il più grande allevamento d’asini d’Europa; l’olio extravergine d’olivo della collina bolognese, dove l’azienda “Ca’ Scarani”, grazie ad una attenta scelta delle varietà di olive e con l’aiuto del surriscaldamento climatico ha fatto rinascere a Bologna una coltivazione che era quasi scomparsa dal 1700. Biologiche sono anche le antiche varietà di mele (Rosa Romana, Lavina bianca, Campanino, Florina, Renetta grigia di Torriana, Commercio), uva (Clinton, Pizzutella, Fragola), pere (volpina) e i formaggi stagionati in foglie di noce e nel fieno.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.