Coldiretti: in Italia cala il consumo di vino. Ma diventa più consapevole

brindisi tramonto
La crisi taglia anche i brindisi degli italiani, con i consumi nazionali che sono scesi al minimo storico dall’Unità d’Italia, appena 22,6 milioni di ettolitri. E’ quanto afferma la Coldiretti nel commentare i dati Istat sul’uso e abuso di alcol in Italia, sottolineando che poco più della metà degli italiani (51,9 per cento rispetto al 53,3 per cento del 2011) ha versato il vino nel proprio bicchiere durante il 2012. Insieme al calo dei consumatori di vino si registra – precisa la Coldiretti – una contrazione anche per quelli degli altri tipi di alcoli, con il 45,8 per cento degli italiani che ha bevuto birra e il 40,5 per cento aperitivi alcolici, amari, superalcolici o liquori. Segnali positivi – rileva la Coldiretti – vengono dal forte calo del 9 per cento in un anno dei comportamenti a rischio (binge drinking) che restano comunque su un livello preoccupante di 7 milioni e 464 mila persone. Il vino – precisa la Coldiretti – è divenuto l’espressione di uno stile di vita ‘lento’, attento all’equilibrio psico-fisico che aiuta a stare bene con se stessi, da contrapporre proprio all’assunzione sregolata di alcol. Si tratta di un cambiamento che – conclude la Coldiretti – occorre riconoscere per evitare il rischio di una dannosa criminalizzazione. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.