Coldiretti Lazio apre vertenza per il latte ovicaprino

La Coldiretti Lazio ha avviato ufficialmente la vertenza sul prezzo alla stalla del latte ovicaprino. Una vertenza che si annuncia dura, in quanto dal primo gennaio 2011, alla scadenza del precedente accordo, le industrie di trasformazione hanno diminuito da 12 a 15 centesimi al litro il prezzo, sceso a 72-75 centesimi (-10-15%). Il primo incontro, al quale hanno partecipato circa 150 pastori, si e’ svolto oggi a Viterbo, alla presenza di Angela Birindelli, assessore all’Agricoltura della Regione Lazio, e di Francesco Battistoni, presidente della commissione agricoltura. Secondo il presidente di Coldiretti Viterbo Leonardo Michelini ”gli allevatori, con i prezzi attuali, non riescono a coprire nemmeno i costi di produzione. La situazione e’ intollerabile e mette a rischio un comparto che nella Tuscia, tra titolari delle aziende, dipendenti e indotto da’ lavoro a circa 5mila persone”. Nel viterbese ci sono 930-950 aziende, che hanno complessivamente 350-400mila capi. Il prodotto lordo vendibile vale dai 36 ai 40 milioni l’anno e costituisce una voce importante del Pil agricolo provinciale, che e’ di circa 600milioni l’anno (il 38-39% dell’intero Pil locale). Il principale problema da risolvere, secondo Coldiretti, e il riferimento al prezzo del latte praticato in Sardegna, uno dei più bassi d’Italia, al quale tentano di allinearsi le industrie di trasformazione ad ogni trattativa. Inoltre e’ necessario valorizzare, esaltare e promuovere il latte laziale e i prodotti derivati. Come ha spiegato il presidente di Coldiretti Lazio Massimo Gargano, ”il latte non e’ tutto uguale perche’ e’ tutto bianco, ma deve essere differenziato in base alla qualita’ e ai territori di provenienza. Solo cosi’ si potra’ ridare dignita’ e fiducia all’ovicaprino laziale, mettendolo in grado di affrontare il mercato e di garantire reddito ai pastori”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.