Coldiretti, record export olio a 1, 3 mld (+10%)

olioppLe esportazioni italiane di olio di oliva fanno segnare il record storico per un valore di 1,3 miliardi di euro nel 2013 con un aumento del 10 per cento rispetto allo scorso anno. E’ quanto emerge da una proiezione della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi ai primi sette mesi dell’anno, elaborata in occasione della diffusione delle stime produttive sulla campagna olivicola 2013/2014 alla presenza del Ministro Nunzia De Girolamo. La raccolta delle olive si e’ dunque avviata in Italia – sottolinea la Coldiretti – sotto la spinta positiva della domanda estera con un deciso balzo dei prezzi pagati che ha fatto schizzare il fatturato ai massimi, nonostante il contenimento nelle quantita’ spedite (-8 per cento).
L’aumento piu’ consistente in valore viene dai mercati emergenti, con un +32 per cento in Oceania e un +16 per cento su quelli asiatici ma buone notizie – continua la Coldiretti – vengono anche dalle “piazze” piu’ tradizionali, con un +10 per cento nell’Ue e un +6 per cento in Usa. All’interno del mercato europeo, il maggior consumatore di olio tricolore – precisa la Coldiretti – e’ la Germania. Nel paese della Merkel finisce quasi una bottiglia su tre di extravergine nostrano commercializzato nel Vecchio Continente, con un incremento del 5 per cento, davanti a Francia e Gran Bretagna. Sul fronte extra Ue, rimangono stabili gli acquisti in Cina mentre – afferma la Coldiretti – si registra un balzo in avanti in Giappone (+18 per cento), che supera la Francia e diventa il terzo mercato di riferimento dopo Usa e tedeschi. Crescono pero’ – sottolinea la Coldiretti – anche gli arrivi di olio dall’estero, con il nostro Paese che e’ oggi il piu’ grande importatore mondiale. Il valore dell’import nei primi sette mesi 2013 e’ cresciuto del 14 per cento. Quasi la meta’ dell’olio straniero che arriva in Italia viene dalla Grecia, grazie anche al fatto che tra gennaio e luglio gli acquisti dal paese ellenico sono addirittura triplicati. La Grecia – precisa la Coldiretti – scavalca cosi’ la Spagna come primo mercato, favorita dal crollo degli arrivi di olio spagnolo, quasi dimezzatisi. Al terzo posto la Tunisia (+50 per cento).
In questo contesto sono positive le modifiche approvate dalla Commissione europea per facilitare la prevenzione di pratiche fraudolente nel settore sotto la spinta della legge Mongiello cosiddetta “salva olio Made in Italy” fortemente sostenuta dalla Coldiretti. Le modifiche apportate dalla Commissione Europea al regolamento n. 2568/91prevedono – spiega la Coldiretti – il decremento graduale dei limiti di etil esteri consentiti: 40 mg/kg per la campagna 2013/2014, 35 mg/kg per il 2014/2015 e 30 mg/kg per le campagne successive. La Commissione – sottolinea la Coldiretti – ha giustamente recepito le decisioni del Consiglio oleicolo internazionale facilitando in tal modo le azioni volte alla prevenzione di pratiche fraudolente che danneggiano fortemente la produzione Made in Italy. L’Italia – prosegue la Coldiretti – e’ il secondo produttore mondiale di olio di oliva con circa 250 milioni di piante ma e’ anche il principale importatore mondiale. Il fatturato del settore – precisa la Coldiretti – e’ stimato in 2 miliardi di euro con un impiego di manodopera per 50 milioni di giornate lavorative. E’ quindi evidente – conclude la Coldiretti – la necessita’ di norme a tutela dei consumatori di un Paese come l’Italia in cui l’olio di oliva e’ praticamente presente sulle tavole di tutti gli italiani con un consumo nazionale stimato in circa 14 chili a testa. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.