Commercio: Cia, bene cibo ma prezzi agricoli crollano -14%

AA026244

AA026244


”Se in un anno il valore delle vendite nelle fasi di commercializzazione è aumentato, purtroppo lo stesso non si può dire per le fasi a monte della filiera agroalimentare, dove gli agricoltori lottano con prezzi sui campi crollati in media del 14%”. Lo afferma il presidente nazionale della Confederazione Italiana Agricoltori (Cia), Dino Scanavino, in merito ai dati sul commercio al dettaglio dell’Istat relativi a marzo 2016 rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Complice anche l’effetto Pasqua: a marzo, ricorda la Cia, le vendite al dettaglio crescono rispetto a un anno fa, spinte proprio dai prodotti alimentari, il cui valore aumenta a un ritmo quasi triplo (+3,7% tendenziale) se confrontato con gli altri prodotti del carrello della spesa (+1,3%). Mentre su base mensile cibo e bevande frenano dell’1,2%, la positiva dinamica annuale trova conferma anche nei dati sul primo trimestre 2016, con gli acquisti alimentari aumentati del 2,2% in valore (+0,8% la crescita degli altri prodotti). ”Sono molti i casi in cui le imprese agricole non riescono a coprire i costi di produzione e, quindi, non possono programmare il proprio futuro”, ricorda il presidente; da qui la necessità di mettere in campo tutti gli strumenti per riequilibrare i rapporti di filiera e garantire più centralità al settore; un percorso da avviare con urgenza, nella consapevolezza che un’agricoltura più protagonista vuol dire un Made in Italy agroalimentare più forte e competitivo.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.