Commercio estero: Cia, alimentare traina made in Italy

cucina romanesca
Nel 2013 il cibo ”made in Italy” diventa sempre più strategico nell’ottica della ripresa dell’economia: nei primi sette mesi dell’anno l’export agroalimentare registra un aumento del 7 per cento, contribuendo sia a mantenere in territorio positivo le esportazioni nazionali (+0,2% tra gennaio e luglio), sia a bilanciare il crollo della domanda interna (-4%). Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, in merito ai dati Istat sul commercio estero. Solo a luglio le vendite oltreconfine dei prodotti freschi dell’agricoltura crescono del 10% cento tendenziale, quelle dei prodotti alimentari del 6,9%. Vuol dire quasi tre volte l’aumento medio dell’export, che si attesta al +3% annuo. E tra i maggiori propulsori delle esportazioni tricolori c’è sempre il vino – ricorda la Cia – con un incremento superiore al 9 per cento e vendite sui mercati globali che potrebbero toccare per la prima volta i 5 miliardi a fine anno, stabilendo un nuovo record storico. Per questo aver coinvolto finalmente le organizzazioni agricole nella cabina di regia per l’Italia internazionale è stato importante – osserva la Cia -. E’ un passo fondamentale per promuovere tutto il made in Italy.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.