Con la siccità aumentano i danni da fauna selvatica

Con la siccità prolungata la fauna selvatica trova ‘refrigerio’ nei frutteti e vigneti e sta accentuando i danni alle colture già provate dalla carenza idrica. Lo segnala la Cia dell’Emilia Romagna nel ricordare la presenza di specie come ghiandaie, gazze e storni la cui presenza invasiva nei frutteti crea danni alle produzioni, nelle ultime settimane si è fatta più pressante.
“Caldo e siccità spingono questi volatili a trovare cibo e rifugio nelle coltivazioni – afferma la Confederazione italiana agricoltori dell’Emilia Romagna – aggravando una situazione resa già critica da un clima torrido che mette a dura prova i frutteti. Anche nelle vigne l’uva giunta quasi a maturazione attira migliaia di storni ed altri volatili con il rischio di ingenti perdite in quantità e qualità”.
L’apertura dell’attività venatoria nei prossimi giorni, a giudizio della Confederazione dovrebbe rappresentare un deterrente per diminuire la presenza di animali nei vigneti e nei frutteti e i conseguenti gravi danni.”.
Infine la Cia ricorda che negli ultimi anni la presenza di storni e corvidi (ghiandaie, gazze, cornacchie) è aumentata in modo esponenziale, nonostante vengano attuate misure di contenimento e specifici piani di controllo.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.