Condifesa Treviso: indennizzi per vigneti

vigneti abbattuti trevisoLa bufera di Ferragosto che si è abbattuta sulla Marca ha provocato gravi danni ad alcune aziende nella pianura trevigiana. Sono terminati in queste ore i sopraluoghi dei tecnici di Condifesa Treviso sui vitigni abbattuti da fenomeni ventosi particolarmente intensi che si sono verificati nei giorni scorsi in concomitanza ai forti temporali che hanno interrotto il periodo di caldo eccezionale che ha
caratterizzato l’estate 2015. Le *aziende viticole dove i tecnici accertatori hanno rilevato danni anche consistenti sono 10*, prevalentemente situate *nella Sinistra Piave (in una fascia che va da
Cimadolmo, a San Polo e dintorni)*. Qui, interi filari di viti sono stati abbattuti proprio nei giorni in cui era in corso la vendemmia compromettendo in parte le colture.
Ma la buona notizia di questa stagione viticola è che gli
agricoltori hanno scelto “l’autodifesa” di fronte a fenomeni temporaleschi
sempre più violenti, anche imputabili ai cambiamenti climatici. Da
quest’anno infatti *Condifesa Treviso, grazie al Fondo Mutualistico* messo
in campo assieme agli altri Consorzi di Difesa di Veneto e Friuli Venezia
Giulia, ha la possibilità di indennizzare le aziende socie per i *danni a
impianti arborei e strutture di sostegno a vigneti e frutteti in caso di
venti eccezionali o trombe d’aria *(coperti da indennizzo, quindi, non solo
le piante – esclusi i frutti pendenti – ma anche palificazioni, cavi,
tiranti). Il fondo prevede indennizzi erogati dal Consorzio *fino a 10 mila
euro per azienda (fino quindi a 100 mila euro totali per le dieci aziende
coinvolte dai recenti eventi)* che andranno a compensare il ripristino la
sostituzione del materiale danneggiato e l’eventuale perdita di produzione.

*“Quando accadono questi fenomeni atmosferici, purtroppo sempre meno
eccezionali – *afferma* Valerio Nadal, Presidente Condifesa Treviso** –
spesso gli agricoltori devono intervenire urgentemente con una prima
sistemazione provvisoria in vista della raccolta della produzione, e
successivamente nel periodo autunnale devono affrontare elevati costi per
il ripristino completo dell’impianto con nuova palificazione e notevoli
spese di manodopera. Finora gli strumenti assicurativi hanno consentito di
difendere il prodotto, ma nulla hanno potuto fare contro alcune avversità
in grado di compromettere seriamente gli impianti. *

*L’iniziativa messa in campo dai Condifesa del Nordest consiste in
un’azione mutualistica, con accantonamento annuale di quote di contenuta
entità ricavate dalla contribuzione degli associati, dalle economie dei
costi assicurativi, integrate con contribuzioni di Enti economici pubblici
e privati interessati e coinvolti nello sviluppo dell’iniziativa. Questa
prima applicazione nella nostra provincia ci dà la conferma che la strada
intrapresa è quella giusta, dal momento che le **dieci aziende coinvolte
hanno accolto il soccorso del fondo mutualistico con grande sollievo”.*

Va detto, infine, che il Consorzio di Difesa delle Attività Agricole dalle
Avversità di Treviso è *il primo consorzio nazionale in termini di capitale
viticolo assicurato* (*180 milioni l’anno*). Tra i suoi cinquemila soci vi
sono *oltre 3.000 viticoltori *e la Provincia di Treviso, rappresenta una
avanguardia nelle forme di difesa del reddito dell’aziende viticole che
rappresentano ormai un asset portante dell’economia locale. Grazie ai nuovi
Fondi Mutualistici sono inoltre indennizzabili danni da fauna selvatica e
mal dell’esca (patologia della vite causata da gruppi di funghi che
colonizzano la pianta).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.