Co.Di.TV: irroratrici a tunnel a confronto. In un anno si risparmiano 5 tir di agrofarmaci

Si è tenuta oggi la seconda “Giornata Dimostrativa” organizzata dal Condifesa Treviso (Co.Di.TV) con l’obiettivo di presentare ai viticoltori, operanti in provincia, le nuovissime opportunità nel mercato delle macchine irroratrici a recupero conosciute anche come “irroratrici a tunnel”.
Oltre 150 persone (agricoltori e operatori del settore) si sono riunite presso l’Azienda Agricola Ca’ de Pizzol a Ponte di Piave (TV), dove hanno potuto vedere direttamente sul campo il confronto tra 5 irroratrici a tunnel prodotte da altrettante aziende: Agricolmeccanica, Bertoni, Europiave, Ideal e Locmann. I produttori delle macchine a recupero hanno illustrato direttamente ai produttori presenti all’incontro, le nuove funzionalità delle loro macchine, in 10 minuti di spiegazione e prova sul campo.
Grazie alla prima edizione di questa iniziativa, realizzata nel 2009, la diffusione tra le aziende vitivinicole trevigiane di queste macchine per la distribuzione dei fitofarmaci ha visto crescere notevolmente l’impiego delle irroratrici a tunell nel trattamento dei vigneti. Rispetto ai tradizionali ‘atomizzatori’, infatti, queste macchine riescono a recuperare il prodotto distribuito sul fogliame evitandone la dispersione nell’ambiente e nel suolo e procurando enormi vantaggi ambientali ed economici.
Da una ricognizione effettuata con l’aiuto delle ditte fornitrici, nel 2012 risultano operanti nel territorio provinciale circa 100 esemplari di irroratrici a tunnel, quasi tutti bifila. Nel 2009 questi esemplari erano 6 in tutta la provincia. Grazie all’impiego di queste macchine si stima un risparmio di circa 80 kg di prodotto (agrofarmaco) per ettaro: in un anno il valore è pari al carico di 5 autotreni.
“Diamo un dato che è significativo: – interviene il Presidente del Condifesa Treviso, Valerio Nadal – grazie alle irroratrici a tunnel arriviamo a quasi – 50% del prodotto distrubuito. Il dato scaturisce da una media dei prodotti irrorati nell’apparato fogliare della vite. Significa che per alcuni prodotti, come per il Mancozeb arriviamo ad un risparmio in termini economici di circa il 70% rispetto ai sistemi tradizionali di distribuzione, mentre per farmaci antibortitci si arriva ad una riduzione del 30%. Facendo una rapida stima sulla media dei trattamenti effettuati, un’azienda può arrivare a ridurre la spesa per l’acquisto degli agrofarmaci da circa 715 euro a circa 422 euro. Realizzando inoltre risultati migliori in termini di difesa fitosanitaria della pianta perché l’agrofarmaco interessa solo la vegetazione e non il suolo e l’aria”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.