Confagri: enormi danni per la mancata conferma delle agevolazioni previdenziali


La mancata conferma delle agevolazioni contributive per zone montane e svantaggiate è stato uno degli argomenti presi in esame dalla giunta esecutiva di Confagricoltura riunita oggi a Roma.
La riduzione delle agevolazioni stabilite dalla legge n. 81/2006 (scese dal 68 al 40 per cento nelle zone svantaggiate e dal 75 al 70 per cento in quelle montane) ha, infatti, comportato dal 1° agosto un deciso incremento della pressione contributiva per le aziende agricole.
Per i datori di lavoro – spiega Confagricoltura – l’incremento è particolarmente pesante, soprattutto se operano nelle zone svantaggiate; basti pensare che per ogni giornata lavorativa denunciata (ipotizzando una retribuzione media giornaliera di 45 euro lordi) l’aumento contributivo è di 4,45 euro nelle zone svantaggiate e di 0,79 euro in quelle montane.
In termini macroeconomici il maggior onere annuo complessivo a carico delle aziende agricole supera i 200 milioni di euro.
La questione riguarda tutto il territorio nazionale, sia pure in modo diversificato in relazione all’incidenza delle zone montane e svantaggiate e del livello di occupazione agricola dipendente. Ed è particolarmente pesante perché colpisce imprese che operano in aree difficili e che stanno fronteggiando una grave crisi economica che ha sensibilmente ridotto i margini di redditività.
Senza trascurare che l’aumento della pressione contributiva avrebbe inevitabili e rilevanti riflessi negativi sui livelli occupazionali, con gravi ripercussioni sul piano sociale.
Per Confagricoltura è quindi assolutamente urgente intervenire al più presto per confermare le passate agevolazioni, ovvero per creare le condizioni per una razionale stabilizzazione delle misure in questione. In tal senso Confagricoltura sta studiando ipotesi risolutive da proporre al governo.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.