Confagricoltura: confermare gli incentivi per le bioenergie

Dare alle biomasse e al biogas le stesse opportunita’ delle altre fonti rinnovabili, in particolare dell’eolico e del fotovoltaico, confermando per almeno un triennio gli incentivi attualmente in vigore. E’ questa la richiesta di Confagricoltura, emersa nel corso del seminario ‘Energie da fonti rinnovabili. Il ruolo dell’agricoltura nel piano di azione nazionale e per lo sviluppo sostenibile’, a cui hanno preso parte Giampiero Maracchi dell’Universita’ degli Studi di Firenze, il direttore generale del ministero dell’Ambiente Corrado Clini e capo dipartimento Energia del ministero dello Sviluppo economico Guido Bortoni. ”Purtroppo – ha detto il presidente Vecchioni nel suo intervento – le novita’ introdotte dalla manovra finanziaria non vanno in questa direzione. Anche se la rivisitazione dell’articolo 45 della manovra riguardante i certificati verdi concede una boccata di ossigeno nel breve periodo, dando priorita’ alla risoluzione anticipata delle convenzioni relative alle fonti assimilate alle rinnovabili, il provvedimento rimane privo di una logica sistemica, genera incertezza ed apre a possibili destabilizzazioni del mercato dei certificati verdi”. Dopo la predisposizione del Piano di Azione Nazionale (PAN), con cui viene definito il percorso per raggiungere l’obiettivo del 17% di energia da fonti rinnovabili sugli usi finali, l’Italia si appresta a recepire la direttiva 2009/28/CE sulla promozione delle energie rinnovabili, secondo i principi e criteri direttivi fissati dalla legge comunitaria 2009. Tuttavia, ha osservato Vecchioni, le potenzialita’ indicate (circa 9,5 MTep da biomasse utilizzate per la produzione elettrica, per il termico e per i biocarburanti) ”potrebbero rilevarsi sottostimate rispetto a specifiche filiere come il biogas, nonostante l’Unione Europea e lo stesso Piano di Azione Nazionale assegnino alle biomasse un ruolo determinante per il raggiungimento degli obiettivi al 2020”. E in merito all’ipotesi ventilata di modificare l’attuale sistema incentivante, Confagricoltura ha ribadito la ”necessita’ di usare molta cautela per le biomasse ed il biogas di origine agricola. Occorre un sistema di incentivi certo e stabile” ha concluso il presidente Vecchioni. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.