Confagricoltura: corre il grano tenero e il grano duro resta al palo

Mentre il prezzo del grano tenero corre, per il grano duro il mercato non sembra volersi ‘svegliare’. Osserva Confagricoltura: “Paradossalmente, se la tendenza dovesse continuare al ritmo attuale, a breve il frumento tenero potrebbe costare più del grano duro”. Come sempre, all’inizio della campagna commerciale, le importazioni stanno giocando un ruolo fondamentale nel controllo dei prezzi del frumento duro sul mercato nazionale e comunitario. I molini italiani si sono già abbondantemente approvvigionati acquistando prodotto estero a basso costo, sia sul mercato comunitario (Grecia) sia oltre atlantico (Messico e USA). Per agosto-settembre sono previste nuove importazioni di grano duro dal Canada, che ha abbondanti scorte del 2009, ma produrrà il 30% in meno quest’anno. “I produttori di grano duro – spiega Confagricoltura – sono poco propensi a vendere, dato che il prezzo attuale (180 – 190 euro/tonn.) non copre nemmeno i costi di coltivazione”. “Va respinta al mittente l’accusa di ‘ritenzione’ formulata recentemente dall’industria molitoria nei confronti di agricoltori e cooperative – commenta Confagricoltura -. In presenza di un prezzo remunerativo la fornitura di grano duro nazionale all’industria molitoria e pastaria si realizzerebbe senza alcuna difficoltà”. Più positiva la situazione del frumento tenero con le quotazioni che sono lievitate del 40% nel mese di luglio sui mercati finanziari, raggiungendo il massimo livello da più di un anno. Lo rileva Confagricoltura che sottolinea come, per trovare in passato un tale incremento su base mensile, occorra risalire addirittura al 1973. Lunedì 2 agosto sul mercato a termine di Chicago un bushel di grano (circa 25 kg) per consegna a settembre valeva – annota Confagricoltura – 6,93 dollari, il livello più alto dal giugno 2009. Calcolato sulla tonnellata, l’aumento nel solo mese di luglio 2010 è stato di oltre 70 $ (da 183 a 254 $/ton). Altrettanto elevato l’aumento registrato da EuroNext, il mercato a termine di Parigi, dove una tonnellata di grano tenero oggi vale 198 euro, per consegna in agosto, mentre il 1° luglio era quotata 140 euro. Il decollo “verticale” del prezzo del grano si sta realizzando, ad avviso di Confagricoltura, sotto la spinta delle pesanti preoccupazioni per l’esito dei raccolti nei paesi del Mar Nero, colpiti da forti ondate di calore e da una prolungata siccità, in particolare in Russia. Nella parte occidentale della Russia, ma anche in Ucraina e in alcune regioni del Kazakistan, le temperature record (oltre 40 gradi C) e la mancanza di precipitazioni stanno avendo conseguenze drammatiche per le colture cerealicole. In Russia si profila una riduzione del raccolto di frumento di oltre il 25%. Complessivamente – pone in evidenza l’Organizzazione degli imprenditori agricoli – nell’area potrebbero venire a mancare oltre 30 milioni di tonnellate di cereali.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.