Confeuro: Algeria e Tunisia vittime della crisi agricola irrisolta

Quanto sta accadendo in queste ore in Algeria e Tunisia è il frutto della non risoluzione della crisi agricola che sta mettendo in ginocchio l’intero comparto agro-alimentare mondiale.
In questi mesi – dichiara il Presidente Nazionale Confeuro, Rocco Tiso – la crescita dei prezzi dei cereali è aumentata di oltre il 32% e i paesi dell’area mediterranea sono quelli che più di tutti soffrono il loro aumento.
E’ necessario -continua Tiso – affrontare per tempo questa nuova emergenza, prima che intacchi seriamente lo scambio dei prodotti agricoli nel mediterraneo. E’ quindi urgente la nascita di un tavolo agricolo dell’area che individui le misure in grado di scongiurare l’acutizzarsi della crisi e favorisca la ripresa del settore.
Le enormi difficoltà che vive il settore agricolo, sono figlie della sistematica sottovalutazione del ruolo ricoperto dall’agricoltura e di misure volte semplicemente, e con risultati discutibili, a scongiurare situazioni emergenziali. L’utilizzo della propaganda invece che dei fatti concreti – conclude il Presidente Nazionale Confeuro – non ha fatto che aggravare la già difficile situazione del comparto. Quella a cui si va incontro è una crisi del sistema agro-alimentare mondiale senza precedenti, che, se affrontata come fatto fino ad ora, rischia di affondare in maniera irreparabile l’intera filiera.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.