Consorzio bufala, no a doppio stabilimento. Distrugge Dop e favorisce multinazionali

mozzarella di bufala 5“La norma che prevede il doppio stabilimento per i produttori della Mozzarella di Bufala Dop rischia di distruggere l’intero comparto e di avvantaggiare le multinazionali che producono formaggi freschi di qualità inferiore e le industrie della grande distribuzione”. E’ durissimo il direttore del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop Antonio Lucisano contro la decisione del Governo di non abrogare ma di prorogare al 31 dicembre 2014 l’entrata in vigore la norma della legge 205/2008 che obbliga i produttori della mozzarella di bufala campana Dop a dotarsi di un ulteriore e specifico stabilimento dedicato esclusivamente alla produzione dell'”oro bianco” Dop. La proroga è stata inserita dal Governo nel recente “Decreto Milleproroghe”. Secondo il Consorzio, le posizioni espresse da alcuni politici, anche meridionali, e le richieste, come quelle dell’eurodeputato Aldo Patriciello (Fi) alla Commissione Europea, di commissariare il Consorzio, “sembrano voler fare l’interesse di queste grandi società piuttosto che quello dei consumatori e di un comparto che crea lavoro per oltre 15.000 addetti”. “La mozzarella di bufala campana Dop – dice Lucisano – è il prodotto fresco più tutelato in Europa ma se dovesse passare definitivamente questa legge, voluta dall’ex ministro leghista Luca Zaia, molti produttori sceglieranno di non produrre Dop ma altri tipi di mozzarella. E soprattutto – aggiunge Lucisano – per gli allevatori di bufale campane sarà un dramma”. Da oltre un anno il Consorzio di tutela della mozzarella di bufala Dop propone di introdurre una norma “semplicissima che superi la legge 205, obbligando – spiega Lucisano – i produttori ad acquistare solo latte di bufala dop, così come avviene per il Parmigiano Reggiano dove i produttori possono usare solo latte certificato per la produzione. In tal modo i consumatori sarebbero tutelati e sarebbe inutile creare un altro stabilimento”. Altra proposta avanzata da Lucisano riguarda il disciplinare di produzione fermo da due anni alla Regione Campania. “E’ necessario eliminare il vincolo delle 60 ore per la trasformazione del latte di bufala in formaggio – afferma Lucisano – perchè molti produttori sono costretti a buttarlo senza poter ricavare altri prodotti. Serve un maggiore buon senso e soprattutto – conclude Lucisano – la volontà politica che, invece, sembra mancare”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.