Consumi: Copagri, ora scelte coraggiose per chi produce


“Il credito alle famiglie italiane mostra segni di affanno. I prestiti in essere si stanno contraendo e le nuove erogazioni sono molto più contenute”. Questo secondo la Banca dItalia, come confermato oggi dal vicedirettore generale, Salvatore Rossi, in occasione del convegno Abi – Assofin ‘Credito al credito’. A quanto sopra, che è già sufficiente a rappresentare un quadro sempre più insostenibile per le famiglie italiane – rileva la Confederazione Produttori Agricoli – va aggiunta l’analisi diffusa sempre oggi dall’Ocse, in base alla quale si prevede nei prossimi due anni un’ulteriore crescita del deficit e del debito pubblico italiano. A rendere ancora più grave il quadro reso dall’Ocse sono le considerazioni sulla politica dell’austerità, che avrebbe indebolito la domanda interna fino a portare i consumi al livello più basso dalla seconda guerra mondiale. Da queste conseguenze – sottolinea la Copagri – non è esente l’agricoltura e l’intero settore agroalimentare, con le famiglie che vanno riducendo all’osso la spesa appunto per per i beni essenziali come i prodotti alimentari. Copagri rilancia la richiesta di scelte di politica economica più coraggiose a partire dall’alleggerimento della pressione fiscale e degli oneri contributivi per sostenere chi produce e per ridare respiro ai consumi.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.