Contratti: Federalimentare, troppo onerose le richieste dei sindacati


E’ “troppo onerosa”, secondo Federalimentare, la piattaforma presentata dai sindacati (Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil) per il rinnovo del contratto di lavoro dei dipendenti dell’industria alimentare. Lo fa sapere Federalimentare in occasione del via oggi delle trattative per il contratto, che interessa oltre 400mila addetti, ed è in scadenza il prossimo 30 settembre. Le richieste economiche, spiega la delegazione delle associazioni datoriali coordinata dal presidente di Italmopa, Umberto Sacco, “si traducono in costi aggiuntivi per le aziende non sostenibili in un anno in cui si prevede un ulteriore taglio in quantità delle vendite alimentari dell’1,5% e una contrazione della produzione dell’1,2%”. In particolare, per Federalimentare, “la richiesta salariale di 174 euro lorde mensili si pone ben al di sopra dei valori dell’indice dei prezzi al consumo al netto dei beni energetici importati, indice assunto dalle parti sociali a parametro di riferimento nelle recenti intese”. La parte datoriale ha invitato le parti sociali a “non tradurre il rinnovo del contratto in un ulteriore fattore di rischio per le aziende, tenuto conto della situazione grave e instabile in cui esse si trovano ad operare e ad assumere un atteggiamento di reciproca responsabilità e sano realismo nel confronto negoziale per arrivare a conseguire l’obiettivo con soddisfazione comune”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.