Convegno Fai-Wwf, in 10 anni aziende in calo del 27%. Fai: occorre favorire il chilometro zero

In dieci anni in Italia le aziende agricole sono calate del 27% e l’incidenza dell’agricoltura sul Pil e’ passata, dal 2000 al 2009, dal 2,5% al 1,6%. Anche i lavoratori nel settore sono diminuiti: escludendo gli occupati stagionali, sono passati da 1.371.000 a 1.322.000, nel 2009. Sono i dati, gia’ circolati nei giorni scorsi, e confermati durante il convegno di Fai e Wwf, a Bologna, dal titolo ‘Sos agricoltura’. Numeri che fotografano una situazione ”molto critica” per il settore primario, come ha confermato la presidente del Fai Ilaria Borletti Buitoni, a margine del convegno. Occorre, per Buitoni, ”risvegliare le coscienze su questo tema, per far risalire un settore che e’ avvilito da vent’anni”. Al Governo la richiesta e’ ”che venga soprattutto presa consapevolezza. Altri paesi europei, come Francia e Germania, hanno difeso eccome il patrimonio agricolo e solo noi non siamo stati capaci”. Uno dei problemi denunciato dalla presidente e’ che ”gli agricoltori non guadagnano piu’ nulla. Tra i motivi c’e’ il costo di incidenza dei trasporti”. Bisognerebbe quindi ”favorire l’agricoltura a chilometro zero: avvicinare il consumatore e il produttore”. Sarebbe un modo ”non solo per stimolare questo rapporto diretto, ma anche per accrescere i margini di produzione, che tutt’ora sono estremamente risicati”. Poi il Governo dovrebbe ”difendere le nostre quote in Europa”. Meno agricoltura, ha sottolineato infine Buitoni, ”vuol dire piu’ urbanizzazione. E cosi’ il nostro paesaggio viene trasformato in un’enorme citta’, senza alcun criterio. Su questo servirebbe, appunto, una presa di coscienza”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.