Convegno nazionale sulla batteriosi del kiwi e sequenziamento del patogeno

Al Convegno nazionale sulla batteriosi del kiwi, organizzato dal Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura (CRA), si è fatto il punto sulla diffusione e pericolosità del batterio in Italia e nel mondo e sulle scoperte scientifiche inerenti alla sua diffusione, diagnosi e diversità genetica. Vengono, inoltre, illustrati i risultati finora ottenuti per la prevenzione e la difesa nei confronti del batterio causa della malattia.
Al convegno partecipano esperti sulla coltivazione del kiwi e fitopatologi coinvolti nelle ricerche su questa grave malattia, dirigenti del Ministero per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, responsabili dei Servizi Fitosanitari delle regioni interessate dal problema.
“Lo studio effettuato, e pubblicato a novembre sulla prestigiosa rivista Plos One, ha consentito di decodificare il genoma del batterio, individuando le caratteristiche genetiche, i fattori di virulenza e di adattamento ambientale nonché l’origine dell’attuale popolazione del patogeno. Ciò consentirà di migliorare le strategie per il contenimento del propagarsi della malattia e di ottenere nuove formule in grado di annullare la forza del microrganismo in campo, afferma Marco Scortichini, patologo del C.R.A. e Direttore dell’Unità di ricerca per la Frutticoltura di Caserta”.
“Il sequenziamento del genoma del patogeno – continua Scortichini – è un passo fondamentale per contrastarne la diffusione attraverso strategie di prevenzione e di difesa che mirano, da un lato, a non esaltare la virulenza del batterio e, dall’altro, ad annullarne la capacità di trasferirsi ad altre piante”.
E’ bene ricordare – conclude il patologo del CRA – che la malattia del kiwi è un problema che attualmente interessa tutte le maggiori aree di produzione del kiwi nel mondo (Italia, Nuova Zelanda, Cile, Francia) e sta mettendo a serio rischio la possibilità di continuarne la coltivazione. In Italia è presente nel Lazio, Piemonte, Emilia-Romagna, Veneto, Calabria, Campania e Friuli ed ha già causato, negli ultimi tre anni, ingenti perdite economiche.
Il MiPAAF ha recentemente finanziato un progetto strategico nazionale che, attraverso varie Istituti di ricerca del CRA e la partecipazione del Centro Servizi Ortofrutticoli (CSO), mira ad estendere le conoscenze di base sul batterio, a selezionare germoplasma resistente alla malattia e a proporre strategie risolutive di prevenzione e di difesa in grado di contrastare efficacemente il patogeno. Tale progetto intende, quindi, contribuire alla salvaguardia di una coltura molto importante per il comparto agricolo nazionale

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.