Copagri, su succhi frutta manca volontà modifiche

succo arancia”L’aumento del contenuto minimo di frutta al 20% approvato dalla Commissione agricoltura rappresentava un nuovo primo e fondamentale passo per tentare di riavviare una legittima iniziativa in Europa per cambiare le regole, ma se non si cambia in Italia diventa difficile discuterne autorevolmente in Europa”. Commenta così il presidente della Copagri, Franco Verrascina, la bocciatura da parte della Commissione Politiche Ue della Camera dell’emendamento alla legge comunitaria che prevedeva di portare dal 12 al 20% il contenuto minimo di frutta nei succhi. Per la Copagri è chiaro che la sfida va vinta a Bruxelles, ma questo, spiega ”non può rappresentare un alibi per chi si ostina in modo paradossale ad ostacolare una misura che premia la qualità e il lavoro dei nostri produttori e va incontro alle legittime esigenze di corretta alimentazione e trasparenza commerciale dei consumatori. Continuare a vendere bevande cosiddette alla frutta, che in realtà di tale prodotto contengono poco o nulla significa prendere in giro chi acquista e penalizzare i produttori italiani, che offrono ampie garanzie di sicurezza e qualità alimentare”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.