Crediti Iva, Uila: “Governo intervenga subito su imprese settore alimentare”

“Non possiamo che condividere la scelta di Federalimentare di chiedere al governo di ridurre il carico fiscale su imprese e cittadini perché riteniamo che questa sia la sola strada possibile per rilanciare la crescita e ridare fiducia al paese. Apprezziamo inoltre l’impegno del ministro Catania ad evitare la tassa sul cosiddetto ‘junk food’ che avrebbe come unico effetto di ridurre ulteriormente investimenti e occupazione nel settore”. È quanto ha dichiarato il segretario generale della Uila-Uil Stefano Mantegazza oggi a Parma al Cibus, a margine dell’assemblea di Federalimentare, commentando la relazione del presidente Filippo Ferrua e l’intervento del ministro per le politiche agricole Mario Catania.

“Il settore alimentare rappresenta ancora oggi una luce che brilla nella oscurità imposta da una politica economica di folle austerità” ha detto ancora Mantegazza “è un raro esempio di vitalità economica in un paese che stenta a dare segnali di ripresa e di crescita; vitalità che si esprime anche nel sistema di buone relazioni industriali che imprese e sindacati hanno saputo costruire negli anni”.

Mantegazza si è anche soffermato sulla questione dei crediti Iva che penalizza in particolare il comparto alimentare a causa dello squilibrio strutturale tra le aliquote Iva pagate (10% e 21%) e incassate (4% e 10%). “La mole dei crediti Iva vantata dalle industrie nei confronti dello stato è impressionante, solo il comparto lattiero-caseario vanta un credito di 800 milioni di euro. È una situazione insostenibile che mette a rischio i bilanci di molte aziende, diminuendone la capacità di crescita e la possibilità di creare occupazione. Lo sblocco di 2 miliardi, annunciato venerdì dall’agenzia delle entrate è solo una prima ‘boccata d’ossigeno’. Occorre fare di più. Per questo chiediamo al governo di provvedere, con un apposito provvedimento di legge, alla totale compensazione tra crediti e debiti, oggi limitata a 516 mila euro (e quindi in grado di soddisfare solo le aziende più piccole), in modo da risolvere il problema almeno per il futuro, in attesa della liquidazione anche dei debiti pregressi”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.