Cresce l’importazione di miele dall’ Asia. L’allarme di Coldiretti

miele 6Coldiretti ha rilevato negli ultimi mesi un “significativo aumento” delle importazioni di miele dall’estero, dove spesso mancano i controlli, a danno del miele di produzione italiana, a cui e’ seguita una drastica diminuzione di produzione, e insiste sulla tutela dei consumatori e degli apicoltori italiani. “L’invito e’ quello di consumare miele di origine certa, conosciuta e tale da garantire genuinita’ – dicono Roberto Moncalvo e Bruno Rivarossa, presidente e direttore di Coldiretti Piemonte – a difesa del buon miele e del diritto dei consumatori ad alimenti sani e non adulterati industrialmente”. Spesso, dall’estero e in particolare dall’Asia si assiste ad esportazioni verso l’Europa di miele sottocosto, come quello cinese e indiano, addirittura ad un prezzo inferiore al 50% rispetto alla quotazione internazionale. Il flusso di fornitura del prodotto adulterato, liberamente immesso sul mercato europeo, si stima essere superiore al 40% dei consumi e va denunciato: il prodotto falsamente etichettato come miele che subisce fermentazioni, pastorizzazione, ultrafiltrazione, aggiunta a miscelazione di pollini, “taglio” con zuccheri quali quello derivato dal riso, non e’ comparabile sotto il profilo nutrizionale con il miele naturale e non puo’ soddisfare le attese dei consumatori, che, per contro, rischiano di allontanarsi dal consumo di miele naturale. Le qualita’ del miele sono ben note fin dall’antichita’: i preziosi oligoelementi (quali rame, ferro, iodio, manganese, silicio e cromo, le vitamine (A, E, K, C, complesso B), gli enzimi e le sostanze battericide ed antibiotiche ne giustificano ampiamente l’utilizzo come disinfettante naturale, nella stagione invernale e’ utile per rinforzare naturalmente l’organismo, prevenendo efficacemente i malesseri di stagione.
“Ma la produzione italiana di miele di qualita’ non e’ tutt’oggi tutelata come dovrebbe – continuano Moncalvo e Rivarossa – per questo Coldiretti rimarca la necessita’ di un’etichettatura chiara e di facile consultazione da parte di chi acquista e, inoltre, auspica che a livello politico si sappiano difendere in primo luogo i consumatori dal prodotto estero, che non offre le dovute garanzie di qualita’, ma che risulta spesso lavorato e adulterato con sostanze che non hanno nulla di naturale”.(AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.