Crisi carne bovina: Romano, Ue dia risposte urgenti


”Dare risposte urgenti alla crisi del settore della carne bovina, che coinvolge in Europa circa mezzo milione di allevamenti e migliaia di stabilimenti di macellazione e trasformazione che danno lavoro a un gran numero di addetti”. L’appello e’ stato lanciato dal ministro per le politiche agricole e alimentari, Saverio Romano, a Debrecen (Ungheria) dove e’ in corso il Consiglio informale dei ministri dell’agricoltura dell’Ue. Un primo risultato e’ stato raggiunto: Romano, insieme ai colleghi di Belgio, Grecia, Olanda, Spagna, Austria, Francia, Polonia, Irlanda, Portogallo e Finlandia sta lavorando ad un memorandum per far uscire dalla crisi il settore in Europa. ”E’ necessario agire con tempestivita’ – ha sottolineato il ministro – e la prima azione d’attuare e’ istituire con urgenza un gruppo ad hoc di alto livello che consenta di individuare le opportune misure per affrontare le problematiche e ridare slancio e competitivita’ al settore”. Del resto – ha aggiunto – ”in questo contesto, la chiusura di accordi bilaterali con i Paesi Mercosur (Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay), potrebbero mettere a serio rischio la sopravvivenza delle nostre aziende”. Il settore della carne bovina in Europa da tempo sta attraversando un periodo di crisi, dovuta all’aumento dei costi di produzione, alla crescente competitivita’ dei Paesi terzi nei mercato internazionali, a cui si e’ aggiunto la siccita’ che ha colpito la produzione di foraggio. Il ministro ha sottolineato anche l’importante ruolo che hanno le aziende coinvolte sotto il profilo delle qualita’ delle loro produzioni, ma anche economico e sociale oltre che ambientale e di presidio del territorio. ”Vi e’ quindi una forte preoccupazione ed apprensione – ha proseguito – circa le conseguenze che questa crisi puo’ generare e per questo e’ necessario che tutte le istituzioni svolgano un lavoro corale e sinergico per affrontare la situazione ed attuare misure che possano salvaguardare il settore”. Sulla stessa linea il commissario europeo all’agricoltura, Dacian Ciolos, che ha suggerito di creare un gruppo di lavoro, riunendo rappresentanti delle organizzazioni professionali e degli Stati membri, per discutere delle possibili misure da prendere, in modo da arrivare rapidamente a conclusioni e proposte che i ministri dell’agricoltura potrebbero discutere nella sessione ministeriale di luglio. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.