Crisi: Cia, agricoltura pronta ad assorbire 200 mila disoccupati

L’agricoltura è l’unico settore che cresce e crea occupazione, come dimostrano i numeri: il valore aggiunto cresce dell’1,1%, il numero degli addetti sale addirittura del 6,2%, dà lavoro a molte donne, vanta imprenditori giovani con un elevato livello di istruzione e potrebbe assorbire in tempi rapidi più di 200mila disoccupati. E’ il quadro dipinto nel corso del convegno “Il contributo dell’agricoltura per la riforma del lavoro e la crescita” dalla Cia-Confederazione italiana agricoltori, secondo cui nonostante la crisi persistente, il comparto è estremamente vitale, ha grandi risorse e potenzialità, ma è indispensabile che vengano abbattuti costi (produttivi e contributivi) e burocrazia che oggi invece paralizzano le imprese agricole. Nelle campagne, secondo la Cia, a differenza di industria e servizi, c’é ancora possibilità di lavoro e ciò può essere sfruttato dal governo con interventi mirati che consentano agli imprenditori agricoli di riprendere a “marciare” e di aprire le porte ai tanti lavoratori espulsi da altri settori. Tra le particolarità dell’agricoltura uno studio rileva che la presenza femminile s’é imposta e continua a crescere. Oggi infatti le aziende agricole condotte da donne sono più del 33% e le lavoratrici rappresentano quasi il 40% della forza lavoro del comparto. Con un processo graduale di “femminilizzazione” che parte proprio dalle regioni meridionali. Altra caratteristica del settore è l’elevata scolarizzazione dei giovani che ci lavorano. Nonostante una presenza degli under 40 ferma all’8%, tra gli imprenditori junior delle campagne uno su tre ha un titolo di studio elevato, dal diploma in su. Nel corso del convegno è stato evidenziato che il settore agricolo può trasformarsi in un vero “ammortizzatore sociale” e contribuire alla creazione di nuova occupazione, a fronte di risposte chiare e concrete a problemi annosi come quelli dei costi e dei gravami fiscali. La proposta della Cia è di creare, a livello territoriale e di distretti produttivi, meccanismi che incentivino il passaggio dei lavoratori dai settori più in crisi all’agricoltura. Invece di erogare ammortizzatori sociali con l’unico scopo di “tamponare la situazione di emergenza”, secondo la Cia sarebbe invece “più utile investire risorse per riqualificare questi lavoratori e dare loro prospettive di lavoro in altri settori dove c’é richiesta, come in agricoltura, agevolando le imprese in tale passaggio sotto l’aspetto dei costi, dei contributi e del fisco”. “Ma è indispensabile – ha detto il presidente Cia Giuseppe Politi – una drastica riduzione degli adempimenti burocratici. Le misure che sono state prese dal governo costituiscono certo un passo avanti, ma sono ancora insufficienti” visto che la burocrazia costa al sistema delle pmi 26,5 miliardi di euro all’anno e “soffoca anche l’agricoltura, che paga un conto molto salato: oltre 3 miliardi di euro l’anno. Ecco perché – conclude – chiediamo un’accelerazione da parte del governo per rendere meno elefantiaci e costosi i rapporti tra aziende agricole e Pubblica amministrazione”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.