Crisi: Cia, agricoltura sempre più dimenticata


Serve un governo diverso, in grado di avviare le riforme, risanare il bilancio e dare una spinta alla crescita: è una svolta che consideriamo indispensabile. Lo afferma un ordine del giorno approvato dalla Direzione nazionale della Cia-Confederazione italiana agricoltori, che denuncia ancora una volta il disinteresse totale per l’agricoltura dimostrato dall’esecutivo; non ultimo, il fatto che al tavolo di consultazione sul decreto per lo sviluppo non siano presenti né il ministro Romano, né le rappresentanze di settore. La Cia punta poi il dito sulla riforma della Politica agricola comune, il cui obiettivo deve essere creare imprese agricole vitali, capaci di produrre reddito e di corrispondere alla domanda alimentare mondiale di cibo. Una strada da percorrere con modelli organizzativi più competitivi e in grado di valorizzare sui mercati le produzioni agroalimentari europee. “Una posizione forte nel negoziato sulla riforma della Pac – si legge nel documento – deve avere un’idea chiara di agricoltura, funzionale ad un vero progetto; altrimenti le posizioni della rappresentanza si riducono in inutile manifestazione di dissenso”. La Cia, infine, conferma che confronto-concertazione-unità sono le tre parole che consentiranno maggiori probabilità di vedere riconosciute le attese dell’agricoltura nelle scelte di politica economica a livello nazionale e comunitario. Da qui l’appello alle altre organizzazioni professionali agricole per iniziative sindacali unitarie a difesa dei redditi degli agricoltori. “Siamo pronti ancora una volta a scendere in campo – conclude l’ordine del giorno – per difendere il lavoro di tanti agricoltori che rischia di disperdersi in maniera drammatica.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.