Crisi: Cia, le famiglie tagliano il carrello e cambiano menu


La crisi economica, il calo del potere d’acquisto e il minore reddito disponibile hanno costretto nel 2009 il 40% delle famiglie a tagliare il carrello della spesa alimentare, con meno pane, vino, carne bovina e olio d’oliva. E mentre il 60% ha dovuto cambiare il menu, optando nel 35% dei casi per prodotti di qualita’ inferiore, si e’ accentuata la rincorsa alle promozioni, con un vero e proprio ‘boom’ degli acquisti negli hard-discount, dove le vendite sono cresciute in 1 anno di oltre il 15%. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori in merito ai dati Istat sul reddito e il risparmio delle famiglie italiane, sottolineando come i consumi a tavola registrino una nuova contrazione e in volume (-1,8%) e in valore (-1,3%). Quanto ai tagli al carrello, secondo la Cia, il 42% delle famiglie ha ridotto gli acquisti di carne, in particolare quella bovina, il 38% di pane, il 36% di olio d’oliva e il 35% di vino. Un consumatore, come rileva anche l’Ismea, in cerca di far quadrare il piu’ possibile i conti anche davanti a prezzi che non hanno subito rincari. Il supermercato resta, comunque, il luogo di acquisto prevalente (68,1%) soprattutto nel Centro-Nord; segue il negozio tradizionale (63,7%), in particolare nel Mezzogiorno e per l’acquisto di pane (59,4%). Il 17,2% delle famiglie acquista presso ipermercati, con punte del 22% nel Nord; al mercato si reca circa il 22% delle famiglie del Centro-Nord contro il 33,1% del Mezzogiorno.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.