Crisi Eridania: per i sindacati “la farsa continua”

La farsa continua ma i lavoratori del gruppo Eridania e i loro rappresentanti non lasceranno nulla di intentato per salvare la fabbrica e i posti di lavoro. Lo fanno sapere Fai-Cisl Flai-Cgil Uila-Uil, ricordando che a oggi non c’e’ stata alcuna risposta da parte del Governo sugli aiuti al settore bieticolosaccarifero gia’ messi a bilancio e mai erogati e che il ministro Zaia non ha mai ricevuto le parti sociali. Da parte sua l’azienda, unica tra tutte del settore, fanno sapere i sindacati, nega la conferma degli accordi sindacali sul piano sociale per i dipendenti degli stabilimenti in dismissione. Il programma delle proteste, ricordano i sindacati, prevede a livello nazionale due giornate di sciopero: lunedi’ 1 febbraio con manifestazione a Bologna davanti alla sede Eridania e lunedi’ 15 febbraio a Roma al ministero dell’Agricoltura; a San Quirico e’ stato proclamato lo stato di agitazione con blocco degli straordinari e di tutti i turni di lavoro; venerdi’ 5 febbraio a Trecasali si terra’ un consiglio comunale monotematico alla presenza dei lavoratori Eridania e di Lesaffre Italia, il lievitificio di San Quirico che utilizza come materie prime il melasso prodotto dal gruppo.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.