Crisi, Francia verso nuova “tassa sulla Nutella”

In Francia l’hanno già ribattezzata la ‘tassa sulla Nutella’: la commissione per gli affari sociali del Senato francese ha varato un emendamento al prossimo progetto di legge finanziaria sul welfare, che punta ad aumentare del 300% la tassa sull’olio di palma, uno dei principali ingredienti della crema spalmabile più amata nel mondo. Oltre a rimpinguare le casse dello Stato in tempi di crisi, questa nuova tassa rappresenta un segnale “non ai consumatori, ma a destinazione delle industrie agroalimentari, affinché sostituiscano quest’olio con nuove composizioni più rispettose della salute umana”, dice l’autore dell’emendamento, il senatore socialista Yves Daudigny. L’olio di palma è accusato di avere effetti nocivi sulla salute e sull’ambiente, in particolare, rispetto al problema della deforestazione. L’emendamento stabilisce un contributo addizionale di 300 euro per ogni tonnellata alla tassa speciale prevista sugli oli di palma, di copra, ed affini, destinati all’alimentazione umana. La tassa attuale su questi prodotti è di 98,74 euro per tonnellata d’olio di palma e di 107,8 euro per tonnellata di olio di copra. La Francia consuma 126.000 tonnellate di olio di palma per uso alimentare all’anno, in media 2 chili per abitante ogni 12 mesi. Il rendimento della tassa addizionale sarebbe dunque dell’ordine di 40 milioni di euro, precisa Daudigny. Ciò rappresenterebbe un aumento di 30 centesimi di euro su un vaso gigante di Nutella da 5 chili, il cui prezzo è attualmente intorno ai 37 euro, ha precisato il parlamentare. Per lui, questi prodotti sono “utilizzati in modo eccessivo dalla ristorazione collettiva e nell’industria agroalimentare”, in particolare, “nei biscotti e nell’alimentazione dolce o salata destinata ai bambini”. Secondo l’Agenzia nazionale francese di sicurezza sanitaria e alimentare, i francesi consumano grassi saturi in eccesso, contribuendo allo sviluppo dell’obesità e delle malattie cardiovascolari. Il testo di legge verrà esaminato in Senato a partire dal 12 novembre. In questi ultimi tempi, la Francia socialista di Francois Hollande – fortemente colpita dalla crisi e dalla necessità di risanare i conti pubblici – ha anche annunciato l’aumento delle tasse su altri prodotti, come birra e sigarette.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.