Crisi frutta: Rabboni, bene l’impegno del ministro

Bene gli impegni del ministro dell’agricoltura Saverio Romano sul mercato delle pesche per il quale la Regione Emilia-Romagna è pronta a fare la propria parte. E’ in sostanza la posizione espressa dall’assessore regionale Tiberio Rabboni a Cesena, durante l’incontro con i presidenti delle principali organizzazioni dei produttori di pesche e nettarine della Romagna: Apofruit, Agrintesa e Europfruit. “La crisi delle pesche nettarine non rallenta. La qualità del prodotto è ottima, ma il prezzo riconosciuto ai produttori continua a non coprire neppure il 50% dei costi di produzione”, ha ricordato Rabboni, sottolineando come “il futuro del comparto sia a rischio e bisogna muoversi rapidamente. E la Regione – ha assicurato l’assessore – è pronta a fare la sua parte”. Secondo Rabboni gli impegni espressi da Romano dopo le riunioni nazionali, infatti, “vanno nella giusta direzione” e per questo “siamo pronti a trasformare le enunciazioni in realizzazioni e a collaborare attivamente con il Ministero”. Secondo viale Aldo Moro sono tre le cose urgenti: “Coinvolgere la grande distribuzione, elaborare una proposta per favorire il ritiro dal mercato di una parte della produzione invenduta proveniente dalle aziende organizzate e non organizzate in Op e una moratoria con aiuti al credito”. Secondo Rabboni, inoltre, “alla fine dell’estate si dovrà poi avanzare all’Europa una precisa proposta legislativa in materia di rapporti di fornitura con la grande distribuzione, per limitare uno strapotere commerciale non più sostenibile e assumere un’analoga iniziativa su scala nazionale”. L’occasione per ribadire questa richiesta sarà il Macfrut 2011 in ottobre a Cesena: “Organizzeremo un incontro sull’esperienza legislativa francese in tema di rapporti con la grande distribuzione, con la partecipazione di rappresentanti agricoli e ministeriali di quel paese”. Infine, ha concluso Rabboni, “sempre in autunno dovremo mettere a punto un piano nazionale per la frutta estiva che affronti, una volta per tutte, il nodo del governo e dell’autogoverno delle strategie di comparto, coinvolgendo sia le imprese associate nelle organizzazioni dei produttori che in Italia, non bisogna dimenticarlo, rappresentano appena il 30% della produzione, sia quelle non organizzate e i relativi soggetti commerciali”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.