Crisi: la spesa alimentare continua a crollare: -12% dal 2007 ad oggi

La riduzione del potere d’acquisto degli italiani continua a riversarsi direttamente nel carrello alimentare, con un calo della spesa per il cibo che sfiora il 12 per cento rispetto ai livelli pre-crisi (dai 129 miliardi del 2007 ai 114 miliardi del 2013). Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, in merito ai dati Istat diffusi oggi. La situazione economica del Paese è così critica che oggi un italiano su due continua a comprare solo l’essenziale – sottolinea la Cia – con il risultato che nell’anno le vendite alimentari sono crollate sia nei supermercati (-1,3 per cento) che negli ipermercati (-1,9 per cento), restando in territorio positivo solo nelle ‘cattedrali’ del low-cost (+1,6 per cento). D’altra parte, oggi sono 6,5 milioni di famiglie che dichiarano di fare regolarmente la spesa nei discount pur di risparmiare, mentre solo il 23 per cento continua a guardare alla marca come un elemento decisivo per l’acquisto. Non solo – aggiunge la Cia -. Al supermercato, l’85 per cento degli italiani cerca di eliminare ogni spreco ed eccesso e quasi la metà (il 42 per cento) inizia a privilegiare i ‘formati convenienza’. Inoltre, il 59 per cento ammette di sacrificare per primo pranzi e cene al ristorante, mentre il 21 per cento ritorna al “fai da te” in cucina soprattutto per quanto riguarda dolci, pane e pasta ‘a mano’. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.