Crisi: Zaia appoggi tutto il centro sud, non solo la Sicilia

La decisione del Ministro Zaia di accogliere lo Stato di crisi della Regione Sicilia ed inviarlo all’Unione Europea perché vengano autorizzate misure straordinarie ”e’ un passo avanti dopo la mobilitazione dei mesi scorsi, ma ora occorre rispondere complessivamente a tutte le regioni che hanno, analogamente, dichiarato lo stato di crisi. Gli agricoltori meridionali hanno tutti gli stessi diritti”. E’ quanto sostiene Altragricoltura che in seguito alla decisione del governo di formalizzare lo stato di crisi per l’agricoltura siciliana, ha scritto una lettera al ministro per le Politiche agricole Luca Zaia chiedendo ”di accogliere tutte le dichiarazioni di crisi ed inviarle a Bruxelles”. Il movimento contadino ha anche chiesto al coordinatore del tavolo agricolo della Conferenza Stato Regioni, Dario Stefano, assessore Agricoltore della Puglia, un incontro urgente per sapere cosa le regioni intendono fare. ”Siamo preoccupati”, ha commentato il coordinatore nazionale di Altragricoltura, Gianni Fabbris, precisando che ”se il ministero e il governo intendono dare risposte separate ad una crisi così vasta che investe tutti gli agricoltori meridionali, il rischio della strumentalità e dell’inefficacia delle azioni è dietro l’angolo. Perché l’Ue accordi le misure straordinarie richieste (sospensioni dei pagamenti e delle esecuzioni in testa) occorre una forza di pressione alta, un grande consenso e il concorso di tutti. Se a Bruxelles va una sola regione è ben poca cosa di fronte alla forza di sei regioni e del governo Italiano. Si agisca subito e si convochi un tavolo formale con tutte le Regioni che hanno dichiarato lo stato di crisi”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.