Crollo a novembre per il Made in Italy

L’industria italiana frena: a novembre, rispetto al mese prima, gli ordini registrano un tonfo, perdendo il 4,3%, il ribasso maggiore dell’agosto del 2009, e il fatturato rallenta, rimanendo quasi fermo (+0,2%). Il recupero messo a segno nella prima parte del 2010, cosi’, si sgonfia e la ripresa appare in salita. Sopratutto perche’ viene a mancare il solito effetto traino dei mercati esteri, con il Made in Italy in sofferenza, tanto che le commesse segnano il calo mensile piu’ forte proprio fuori dei confini nazionali (-6,2%), dove anche i ricavi sono negativi (-0,9%). Resta, invece, piu’ confortante il paragone con l’anno precedente, anche se a novembre 2009 gli effetti della crisi erano ancora intensi. Crescono, infatti, sia gli ordinativi (+9,6%) che il fatturato (+12,1%), pur se non ai ritmi primaverili. Una perfomance tenuta alta proprio dai mercati esteri, che hanno fin qui spinto l’industria italiana con una quasi totale costanza. Tuttavia non tutti i settori fanno registrare aumenti: a novembre su base annua perde quota il comparto farmaceutico, con ribassi sia sugli ordini (-3,4%) che sul fatturato (-7,6%). E per le commesse non e’ il solo ribasso, vere e proprie cadute si registrano per la fabbricazione di computer e altri prodotti di elettronica ed ottica (-17,9%) e sopratutto per i mezzi di trasporto (-19,2%), con le auto che cedono il 6,9% (dato grezzo). Rialzi sostenuti, invece, riguardano, analizzando ricavi, la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+25,7%), la metallurgia (+25%) e anche l’alimentare (+12,1%). Gli aumenti piu’ netti degli ordinativi toccano, anche qui, la metallurgia (+26,3%), la fabbricazione di apparecchiature elettriche (+20,8%) e il tessili (+14,9%). I dati dell’Istat preoccupano sia i consumatori che i sindacati. Per il Codacons i segni meno di novembre sono ”la dimostrazione che il decreto incentivi non solo e’ stato del tutto inutile, ma e’ stato una presa in giro degli italiani”. A riguardo l’associazione ritiene che il ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani, sia ”colpevole di non aver proposto nulla di nuovo” e chiede, cosi’, le sue ”dimissioni”. Secondo la Cisl ”l’industria italiana sta crescendo a ritmi deboli ed incerti”.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.