Da tartufi a funghi, tavole autunno sono low-cost

OLYMPUS DIGITAL CAMERADopo un’estate segnata da tempo instabile, un italiano su tre si tuffa nelle specialità dell’autunno, dal tartufo ai funghi, che quest’anno hanno anche quotazioni abbordabili. E’ quanto afferma la Coldiretti sulla base di un’indagine dell’Istituto Piepoli: prevede per i prossimi mesi un aumento del 5% rispetto allo scorso anno per la vacanza enogastronomica spinta dalla necessità di “rifarsi” delle ferie estive ma anche da una annata straordinaria per le tavole d’autunno. “Per il tartufo – sottolinea la Coldiretti – si registra una stagione da record storico con una produzione ottima per quantità e qualità con le prime quotazioni che sono abbordabili per tutti come non avveniva da tempo. Alla borsa di Alba in Piemonte il tartufo bianco è stato pagato 200 euro all’etto per le pezzature medie di 20 grammi mentre ad Acqualagna nelle Marche le rilevazioni vanno registrare prezzi variabili da 50 a 110 euro all’etto a seconda del peso. Ma ci sono anche offerte attorno ai 10 euro per il tartufo nero nel centro Italia”. “La pioggia abbondante ha favorito anche – continua Coldiretti – la nascita dei funghi con ottimi riscontri per porcini, finferli e trombette negli oltre 10 milioni di boschi che ricoprono circa un terzo della superficie nazionale”. Su questa scia si moltiplicano nella penisola Feste e Sagre dedicate ai principali prodotti dell’autunno che vanno dall’uva ai funghi, dalle castagne alle mele fino ai tartufi e all’olio novello. “Un fenomeno che va però accompagnato – sostiene Coldiretti – da una maggiore qualificazione dell’offerta che accanto a proposte di alta qualità mostra spesso anche tante improvvisazioni”. L’Italia – ricorda infine Coldiretti – è leader mondiale nel turismo enogastronomico a livello mondiale con oltre 24 miliardi di euro spesi dai turisti nazionali ed esteri nel nostro Paese. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.