Da vitigni del Carso fatturato da 6 milioni di euro

Dalle cantine del Carso, vere e proprie opere d’arte scavate nella roccia calcarea, escono circa 600 mila bottiglie all’anno provenienti dai vitigni Vitovska, Terrano e Malvasia, per un fatturato stimato in 6 milioni di euro. Un ampio focus sui vitigni del Carso si focalizza il Rapporto ‘Industria alimentare’ del Sole 24 Ore che sarà domani in edicola. Quella del carso è una produzione di nicchia, visto che lo spazio a disposizione per i viticoltori è una virgola di terra rossa di soli 400 ettari per cui il Consorzio dei vini del Collio e del Carso (35 cantine aderenti) lavora, puntando soprattutto all’esportazione di alto profilo. Una bottiglia su tre tra quelle prodotte in questa terra viene infatti venduta all’estero: il mercato più importante è quello della Mitteleuropa, ma sono in crescita anche Usa, Regno Unito, Giappone e Russia. Ecco perché, secondo l’opinione del Consorzio, l’unica possibilità di aumentare la produzione vitivinicola per far fronte all’aumento di domanda dall’estero è quella di estendere i vigneti, chiedendo una bonifica del costone carsico per aumentare gli ettari coltivabili; l’altra alternativa sarebbe la delocalizzazione in Slovenia. Ma bisogna semplificare i vincoli di carattere ambientale, territoriale e urbanistico che bloccano ogni aspirazione di espansione dell’attività e di aumento della produttività del comparto.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.