Dai campi il 20% di rinnovabili entro il 2020

La ‘rivoluzione verde’ delle fonti energetiche puo’ essere trainata dall’agricoltura. Lo rivela il Rapporto sulle bioenergie in Italia di Nomisma, presentato oggi al Forum di Confagricoltura in corso a Taormina. Le potenzialita’ del settore – sottolinea l’indagine – sono enormi: con il solo ausilio di colture dedicate, scarti colturali e residui zootecnici sara’ possibile arrivare a fornire sino al 20% dell’energia rinnovabile prevista nel 2020. Un dato a cui si potranno aggiungere altre forme di energia ad altissimo impatto come eolico, fotovoltaico e idroelettrico. Sono due gli scenari possibili prospettati nella ricerca Nomisma patrocinata da Confagricoltura. Lo scenario definito ‘ottimistico’ prevede lo sfruttamento della meta’ delle potenzialita’ rinnovabili in agricoltura. Una quota che garantirebbe al settore non solo l’autosufficienza energetica, ma addirittura la possibilita’ di creare valore, in un’ottica di ”burden sharing” tra settori produttivi. In questo caso la produzione di energia varra’ quasi il 20% dell’energia verde prevista in Italia nel 2020, con 4,2 mtep (ovvero 4,2 milioni di tonnellate di petrolio) e il 128,8% di energia verde sul totale del consumo agricolo. Il quadro ‘pessimistico’ prevede invece lo sfruttamento di solo un quinto del potenziale teorico, ma produrrebbe comunque una performance energetica mille volte superiore a quella attuale (1,7mtep, un dato che arriverebbe a coprire circa la meta’ dei propri consumi e l’1,2% dei consumi finali nazionali). Tra le criticita’ riscontrate dallo studio, l’assenza di una programmazione certa e di lungo periodo per gli incentivi, la mancata emanazione di un decreto legge sugli obblighi italiani a livello regionale, l’assenza di un sistema incentivante per l’energia termica da rinnovabili. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.