Dal 2002 persi per i rincari 9000 euro a famiglia

centro commerciale 1Le famiglie italiane hanno perso in media 9.000 euro tra il 2002 e il 2008 a causa dei rincari per i prodotti di largo consumo seguiti all’introduzione della moneta unica europea. E’ quanto emerge da uno studio di Federconsumatori e Adusbef secondo il quale i prezzi dei prodotti e servizi a piu’ larga diffusione (come gli alimentari e le assicurazioni) hanno viaggiato negli ultimi anni su vette superiori sia rispetto al ”livello dell’inflazione ufficiale sia alla media di Eurolandia”. Al top degli aumenti dei prezzi tra i 99 prodotti e servizi monitorati tra il 2001 e il 2008 c’e’ il ”cono gelato” (+290%) ma aumenti molto superiori alla media sono stati registrati anche da tramezzini, penne a sfera, pizza margherita e tazzina di caffe’. Per le due associazioni l’introduzione della moneta unica e’, stata usata come scusa per rialzare i prezzi a danno dei consumatori. ”Il pretesto dell’euro – spiegano – ha generato in sette anni un’odiosa speculazione di 9.178 euro a famiglia, trasferendo 183 miliardi dalle tasche dei lavoratori e dei pensionati”. Lo studio si basa su due rilevazioni, una centrata sul fronte interno e l’altra aperta al confronto con lo scenario europeo. Riguardo alla prima, in Italia su 99 prodotti osservati lungo un periodo di otto anni, dal 2001 al 2009, ben 87 hanno registrato aumenti maggiori rispetto all’inflazione media cumulata, pari al 19,36%. Acquisti di tutti i giorni hanno subito rialzi di oltre il 150%, basti pensare che il tramezzino e’ salito del 162%, la pizza margherita del 155% e il caffe’ del 104%. Ma a conquistare il vertice della classifica e’ stato il cono gelato, con un rincaro del 290%. Nella lista dei prodotti che hanno segnato i rincari maggiori ben 15 delle 20 prime posizioni sono occupate da prodotti alimentari. Ampliando la prospettiva, a confronto con l’Europa in Italia il termometro dei prezzi ha segnato qualche linea in piu’: la ricerca, prendendo a riferimento un periodo di 12 anni, dal 1996 al 2008, evidenzia un divario di 4,6 punti percentuali. Infatti, a fronte di un’inflazione media nell’eurozona pari a 27,4%, in Italia si arriva a quota 32%. Tra i principali Paesi del Vecchio Continente fa peggio solo la Spagna, che supera un rialzo del costo della vita pari al 42,3%. Nella Penisola a far lievitare il livello generale dei prezzi ha contribuito il settore delle assicurazioni, che, sempre secondo la ricerca, ha visto schizzare i prezzi al 125,1%, mentre in Eurolandia il rincaro si e’ fermato al 32,6%. Alle stelle anche i rialzi nel comparto dei servizi finanziari, a quota 84,3%, ben oltre la media dell’area euro, che si e’ stabilizzata al 40%. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.