Dal 21 dicembre a Santarcangelo di Romagna torna il Presepe nelle grotte

Presepe S_Arcangelo_6Torna a Santarcangelo di Romagna il grande presepe meccanico allestito, per questa quarta edizione, nella grotta privata Teodorani, una delle più grandi delle grotte ipogee scavate nel tufo e nell’arenaria, sotto il colle Giove, sul quale sorge l’antica città di Sant’Arcangelo
Le antichissime grotte ipogee, usate prima del cristianesimo come possibile luogo di culto pagano al Dio MItra, poi utilizzate come rifugio sicuro durante i bombardamenti dell’ultima guerra, si presentano al pubblico in tutto il loro antico fascino e suggestione. Un capolavoro scavato dall’uomo, un luogo il cui il mistero e il fascino s’intreccia in un ambiente quanto mai spettacolare. A tutto questo si aggiunge la magia del presepio animato meccanico, uno dei più grandi capolavori di arte presipistica realizzata dal presepista Davide Santandrea, che rilancia la tradizione del presepio nelle grotte, allestendo per la quarta volta uno spettacolo nello spettacolo a cui non si può mancare.
16 sono le scene bibliche tratte dall’antico e dal nuovo testamento, con figure alte un metro, tutte dotate di meccanismi per farle muovere e realizzate a mano da Davide Santandrea, ma le scene del presepio sono molte di più se si contano anche quelle di complemento e arricchimento. E poi ancora effetti di luci, di suoni e di acqua, incantevoli scenografie orientali si uniscono al fascino e alla suggestività delle grotte scavate nella roccia. Le scene create da Santandrea non si limitano al solo episodio della Natività ma rievocano anche vicende anteriori quali i profeti che predicono la nascita di un salvatore, il profeta Isaia davanti al Re Acaz che predige la nascita di un salvatore per tutte le genti, l’annuncio dell’Angelo a Maria, la ricerca dell’alloggio, la comparsa della stella cometa ai Magi, l’annuncio dell’Angelo ai pastori, e anche scene posteriori quali l’arrivo dei Magi, e alcune scene che rievocano la storia delle apparizioni mariane. Particolarmente animata è la ricostruzione della città di Betlemme con i suoi mulini ad acqua e la città di Gerusalemme con la reggia di Erode ed una folla di persone intente ai lavori quotidiani.
Ovviamente la scena più ricca di suggestiva dolcezza è quella che rappresenta Maria nell’atto di cullare e di baciare il piccolo salvatore mentre Giuseppe apre le braccia al cielo in segno di esultanza e gli zampognari suonano le loro cornamuse.
Il presepio aprirà i battenti il 21 dicembre e resterà visibile sino al 31 gennaio.

ORARI
FERIALI ORE 15-18
FESTIVI ORE 10,30 -12,30 e 15-18

INGRESSO ADULTI 3 EURO ( i bambini da 0 a 7 anni non pagano)
ACCESSO POSSIBILE ANCHE PER DISABILI
PER VISITE DI GRUPPI prenotare al 347 7783236 (ASSOCIAZIONE AMICI DEL PRESEPIO)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.