Dal 23 maggio a Mordano la 33° Sagra dell’Agricoltura

PALIO  costumi (123)A Mordano prende il via venerdì 23 maggio la 33.a edizione della Sagra dell’Agricoltura, in programma fino a lunedì 2 giugno prossimo. La rassegna ritorna su undici giorni e si presenta come un punto di riferimento nel panorama agricolo, un’occasione per ricordare le tradizioni e le radici della comunità locale, guardando al futuro. “Saranno undici giorni per tutta la famiglia, fra musica, spettacolo, selezione di Miss Italia, raduni di cavalli, festa delle scuole, convegni, attenzione all’enogastronomia, la consegna dell’Aratro d’Oro al ministro Poletti il 26 maggio e il Palio dei Borghi, che quest’anno si correrà lunedì 2 giugno” commenta Renato Folli, presidente del Comitato Sagra dell’Agricoltura che organizza l’evento, con il patrocinio del Comune di Mordano.

Venerdì 23 maggio: inaugurazione e selezione di Miss Italia – Si comincia alle ore 18,45 con il taglio del nastro, alla presenza, fra gli altri, dell’on. Daniele Montroni e del sindaco Stefano Golini; seguiranno l’apertura dello stand gastronomico e della mostra di macchine agricole, quest’anno notevolmente ampliata con una cinquantina di grandi mezzi, dalle trebbiatrici alle vendemmiatrici, ai trattori che si snoderà lungo tutta via Bacchilega.
Poi, alle 21,45, al palatenda, sarà di scena uno dei piatti forti della manifestazione, cioè la selezione regionale di Miss Italia, con il ritorno di Sgabanaza a “condire” con il suo cabaret le varie fasi della selezione. Saranno in passerella numerose ragazze di età compresa tra i 18 e i 30 anni, provenienti da tutta la regione, che sfileranno per conquistare le fasce di “Miss Mordano 2014” e “Miss Palio dei Borghi 2014”, che sono valide per l’accesso alle finali regionali, e di “Miss Rocchetta Bellezza”, “Miss Wella Professionals” e Miss Liceo. L’organizzazione regionale, capitanata da Mirka Fochi, metterà in scena uno show di bellezza, eleganza e buongusto, secondo lo stile Miss Italia. E Mordano ha sempre portato bene alle ragazze in gara, molte delle quali hanno poi raggiunto traguardi importanti all’interno del concorso.

Sabato 24 maggio: selezione “Io canto” – Quest’anno non mancheranno novità in fatto di spettacoli e appuntamenti. La prima andrà in scena proprio sabato 24 maggio, con la selezione per partecipare al talent show di Canale 5 “Io canto”, con una cinquantina di ragazzi in gara, dai 7 ai 15 anni, provenienti da tutta l’Emilia Romagna. Dalle ore 16 le iscrizioni e le prove, poi dalle 20,30 lo spettacolo finale. Tutti i provini saranno inviati all Realize di Milano, che deciderà il passaggio alla trasmissione televisiva; a Mordano la giuria sceglierà un podio che ha valore simbolico, quindi anche chi non vincerà la selezione, avrà comunque la possibilità di essere selezionato per la trasmissione.

Domenica 25 maggio: il toro Varenne e gli antichi mestieri – Grande risalto alla civiltà contadina, che propone dalle 9 fino a sera “La corte rurale e gli antichi mestieri”, dedicata agli utensili usati d’inverno dai contadini per sistemare i propri attrezzi e all’Aia del contadino, con suini, ovini, caprini, cavalli, mucche e il grande toro di Razza Romagnola “Varenne”, campione italiano nella sua categoria, di oltre 15 quintali di peso, allevato dall’azienda Cenni di Riolo Terme.
Fin dalle 9,30 al campo sportivo saranno protagonisti i pony, con vari giochi e la possibilità per i bambini di imparare a cavalcarli. Alle 10,30 al palatenda sarà celebrata la santa messa; mentre alle 12 aprirà lo stand gastronomico. Al pomeriggio al campo sportivo esibizione dei pony in vari giochi con protagonisti diversi centri ippici. Alle 21,30 spazio allo spettacolo con “Imola Big Band orchestra” diretta dal maestro Pierluigi Bitti Ricci. L’ingresso è a offerta libera, a favore dell’asilo parrocchiale.

Lunedì 26 maggio: Aratro d’Oro al ministro Poletti – Ecco un’altra giornata molto importante per la Sagra. Alle 21,30 al teatro tenda, verrà consegnato l’Aratro d’Oro, premio simbolo della manifestazione, al ministro del lavoro Giuliano Poletti. In precedenza, il premio è stato assegnato, fra gli altri, a Stefano Domenicali, Alberto Tomba, Paolo De Castro, Alex Zanardi, Marco Melandri, Loris Capirossi, Arrigo Sacchi, al dott. Claudio Costa, all’olimpionico Andrea Minguzzi, al prof. Cesare Maltoni. Subito dopo si svolgerà la tavola rotonda organizzata dalla Sagra con il patrocinio del Comune, sul tema “Come uscire dalla crisi economica”. Insieme al ministro Poletti interverrà Maurizio Gardini, presidente nazionale Confcooperative. Al termine della serata buffet di frutta per tutti.

Martedì 27 maggio: la “Prova del cuoco” – Sarà di scena la seconda novità di questa edizione della Sagra. Alle ore 20 al palatenda si svolgerà il concorso enogastronomico “Prova del cuoco”, dedicato ad un prodotto tipico del territorio: il garganello. Si sfideranno quattro chef di altrettanti locali del territorio per cucinare il condimento più adatto per i garganelli preparati da Franco Bassi del ristorante “Antico Tre Monti”. In gara ci saranno Massimo Speroni dell’albergo Ristorante Monte del Re (Dozza); Sebastiano Siano, del ristorantino Mokador (Faenza); Stefano Paglierani de “Il Molinello” (Bagnara) e Lea Monti dell’Agriturismo Ca’ Monti (Sassoleone di Fontanelice). La serata è organizzata in collaborazione con la “Compagnia del Garganello” di Imola e sarà presentata da Daniele De Leo. Il vincitore, a cui andrà la “posata d’oro”, sarà scelto da una giuria composta da Massimo Montanari, Fabrizia Fiumi, presidente della Compagnia del Garganello, dal giornalista Antonio Gaddoni, dal sindaco di Mordano e da Massimo Ratti, chef del “Ponte Rosso” di Monteveglio, citato dalla rivista Forbes come uno dei tesori italiani della gastronomia. Il pubblico potrà assistere alla gara degustando un apposito menù della tradizione locale ed alla fine assaggiare anche le “prove dei cuochi” partecipanti.

Mercoledì 28 maggio: musica e cabaret – Musica e cabaret al Bar dei Cinghiali, con Davide Lazzarini e Michele Foschini (lo stand gastronomico sarà chiuso).

Giovedì 29 maggio: defilé di moda – Alle 19 riapre lo stand gastronomico e alle ore 21,15, al palatenda ritorna il defilé di moda.

Venerdì 30 maggio: le scuole in festa – Dalle 15,30 fino a sera spazio alle “scuole in festa – giornata dello sport”, “prima al campo sportivo poi dalle 19 al teatro tenda con i vari spettacoli musicali da parte di tutte le scuole di Mordano, dalla materna (alle ore 19) alle medie inferiori (ore 21).

Sabato 31 maggio: si balla – Si balla con il gruppo “70 mi da 80 live band”.

Domenica 1 giugno: cavalli, agility dog e il ricordo di Demis – Per tutto il giorno mercatino degli ambulanti lungo le vie del paese, ritrovo di cavalli al campo sportivo, esibizione di agility dog a cura del centro cinofilo Latin Border e in serata, alle 21,45, “Concerto per Demis”, diretto dal maestro Roberto Bartoli.

Lunedì 2 giugno: il giorno del Palio dei Borghi – Gran finale con il 31.o Palio dei Borghi di Mordano. Per la prima volta si correrà di lunedì sera. Il Palio si corre in gara unica, alle 20,30, con 10 cavalli purosangue al via, cavalcati “a pelo” da alcuni fra i migliori specialisti del settore, presenti ai palii più importanti, da Siena a Ferrara, da Asti a Legnano. Prima del Palio, dalle 18 si svolgerà il corteo storico dei borghi, con oltre 150 figuranti in costumi fedeli all’epoca, che dai bastioni centrali di Mordano sfileranno fino al campo sportivo. Prima del via ai fantini, c’è spazio per lo spettacolo equestre di Raffaele De Palma. Madrina del Palio sarà Veronica Ruggeri, direttamente da “Le Iene”, che bissa la presenza dopo il successo riscosso l’anno scorso.

Gastronomia in primo piano – Uno dei punti di forza della Sagra dell’Agricoltura è lo stand gastronomico, ricco di prelibatezze e specialità, con una quarantina di chef volontari impegnati nelle cucine. Fra i primi spazio a tortelli e tortellini al ragu, garganelli e strozzapreti; poi le carni, tutte a qualità Clai, con fiorentina e castrato, salsiccia, spiedini e prosciutto alla brace; verdure di stagione fra i contorni, il tutto abbinato agli ottimi vini Cavim. Lo stand gastronomico è aperto tutte le sere dalle 19 e i festivi anche a mezzogiorno. Tutte le sere è aperto anche il Bar dei Cinghiali, gestito dai ragazzi della squadra di pallamano Romagna Handball.

Fra giovani e beneficenza – A dar manforte sul piano organizzativo ed operativo è sceso in campo anche un gruppo di oltre una ventina di giovani che ruota attorno al Romagna Handball, la squadra di pallamano di Mordano. “Sono ragazzi eccezionali, che lavorano sodo e credono nella manifestazione, senza i quali non potremmo realizzare la Sagra” spiega Folli. A capitanarli vi sono Matteo Folli e Gianni Bulzamini, entrambi vicepresidenti del Comitato Sagra dell’Agricoltura.
Inoltre, in tre serate l’incasso degli ingressi agli spettacoli sarà devoluto in beneficenza a sostegno dell’asilo parrocchiale. “Se consideriamo anche il sostegno al centro tumori del prof. Maltoni dato negli anni passati, possiamo dire che dall’inizio della manifestazione ad oggi, in oltre trent’anni approssimativamente abbiamo devoluto in beneficenza circa 200 mila euro” conclude Folli.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.