“Dal seme alla pasta e oltre”: il punto sul miglioramento genetico della filiera, in un settore di cui l’Italia è leader.

grano chicchiNell’anno di Expo, il convegno internazionale “Dal seme alla
pasta e oltre” riunirà i massimi esperti mondiali della filiera grano
duro-pasta per presentare e dibattere i risultati delle ricerche in
grado di incrementare la produzione di grano duro, diminuirne l’impatto
ambientale e migliorare la qualità e la salubrità della pasta.
L’appuntamento è a Bologna dal 31 maggio al 2 giugno (Hotel Flyon, via
dell’Aeroporto 34/36) e all’Expo di Milano presso il Padiglione Italia
nella giornata conclusiva del 3 giugno.
L’obiettivo principale della conferenza, promossa da CNR, CRA e
Università di Bologna, con il coordinato del professor Roberto Tuberosa
e il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, è quello di presentare i
progressi della ricerca per la filiera frumento duro-pasta di cui
l’Italia è indiscusso leader mondiale. Mantenere questo ruolo
richiederà un notevole investimento nella ricerca e nell’innovazione
tecnologica della filiera, soprattutto per quel che riguarda
l’innovazione varietale. Nel corso del convegno si affronteranno le
maggiori tematiche relative all’ agronomia, fisiologia, genomica ed al
miglioramento genetico del frumento duro. Verranno inoltre trattati gli
aspetti relativi alla produzione della pasta nonché quelli nutrizionali
e salutistici.
” Un appuntamento importante in un settore di punta del made in Italy –
così ha commentato l’assessore regionale all’agricoltura Simona Caselli
– grazie anche a finanziamenti regionali l’Emilia-Romagna si è negli
anni distinta non solo sul piano della ricerca e dell’innovazione
varietale, ma anche della produzione di grano duro. Grazie agli accordi
quadro con Barilla, promossi dall’Assessorato regionale
all’agricoltura, oggi il nostro territorio è leader per la coltivazione
di frumento duro ad alta qualità e rifornisce direttamente gli
stabilimenti del Gruppo di Parma.”

Il sequenziamento del genoma del grano duro
Nel corso del convegno verrà presentato il programma di ricerca sul
sequenziamento del genoma del frumento duro. L’iniziativa, recentemente
avviata a seguito di una collaborazione tra CNR, CRA, ENEA e le
Università di Bologna e Udine, coinvolge inoltre ricercatori del
Belgio, Canada, Israele, Olanda, Turchia e USA.
Considerata l’importanza del frumento duro nell’agricoltura e nella
dieta dei paesi Mediterranei, la conferenza fornirà un importante
contributo su come valorizzare al meglio i sistemi agricoli e
alimentari imperniati su questa coltura, anche in funzione delle
tematiche ambientali (es. impronta ambientale della produzione della
pasta). La presenza di relatori provenienti dal mondo industriale
assicurerà un’elevata valenza applicativa del convegno.
Nell’ultima giornata, prevista presso il Padiglione Italia ad Expo, una
tavola rotonda dibatterà sulle sfide poste dai mutamenti climatici alla
produzione sostenibile del frumento duro e sulle opportunità offerte
dalla ricerca per mitigare gli effetti negativi derivanti da tali
mutamenti. La seconda parte del convegno sarà dedicata alla
presentazione dell’Agenda Strategica di Ricerca della Wheat Initiative
(http://www.wheatinitiative.org/), la maggiore iniziativa
internazionale sulla ricerca per il frumento che coinvolge le nazioni
del G20, inclusa quindi l’Italia.
Nella serata dell’1 giugno i partecipanti al convegno bolognese saranno
ospiti di Apt Servizi presso l’Enoteca regionale di Dozza .

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.