Dalla Bonifica Agricola acqua per dissetare la Romagna

L’agricoltura e le sue strutture di bonifica intervengono a soccorso delle esigenze di acqua della società civile per far fronte alla siccità che sta colpendo duramente i territori della Romagna. Lo comunica Coldiretti, ricordando che il Canale Emilia Romagnolo (Cer) che prende acqua dal Po per portarla in Romagna per irrigare i campi, in questi giorni in cui l’agricoltura non irriga, sta rifornendo la società Romagna Acque attraverso due derivazioni presso Granarolo Faentino e Cesena. “Il canale – dice il presidente del Cer e vicepresidente di Coldiretti Emilia Romagna, Massimiliano Pederzoli – è l’unica struttura di superficie in grado di dare sostegno alla necessità d’acqua, evitando l’eccessivo prelievo da falda. Un altro impianto di derivazione – ricorda Pederzoli – sarà aperto a Selbagnone, nei pressi di Forlimpopoli, per prelevare 200 litri di acqua al secondo per usi potabili”.
L’intervento di sostegno si è reso necessario dopo che la diga di Ridracoli, massimo serbatoio d’acqua della Romagna, ha visto ridurre ai minimi termini il livello dell’acqua a causa della siccità autunnale. Secondo i dati di Romagna Acque, il livello della diga è a 5,5 milioni di metri cubi, vicinissimo quindi ai 5 milioni di metri cubi che fa scattare l’allarme per il prelievo dell’acqua

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.