Dazi sul pomodoro: la richiesta della Coldiretti


Tutelare il pomodoro italiano attraverso l’introduzione di dazi. A proporlo e’ Mauro Tonello, presidente della Coldiretti dell’Emilia-Romagna, regione in cui si concentra quasi il 30% della produzione nazionale. ”Il massiccio arrivo in Italia di centinaia di milioni di kg di concentrato di pomodoro da spacciare come ‘made in Italy’ sta assumendo preoccupanti dimensioni – afferma Tonello in una nota – a causa del rischio di frodi, visto che nei porti italiani continua a sbarcare prodotto che arriva dall’estero e, anziche’ essere riesportato, rimane invece all’interno dell’Unione Europea”. Secondo il presidente di Coldiretti, di fronte a importazioni incontrollate che mettono a rischio l’economia del Paese, ”e’ necessario stringere le maglie larghe della normativa, anche introducendo dei dazi ad importo modulare che tutelino una filiera strategica del paese, ed evitare che si radichi definitivamente sui mercati un falso made in Italy che si produce nei porti”. Si tratta di misure gia’ adottate per altri prodotti agricoli e di cui diversi paesi europei hanno gia’ beneficiato – sottolinea ancora Tonello – ma ”attorno a questi temi si deve adesso creare in Emilia-Romagna il consenso di tutta la filiera produttiva con una proposta forte e convinta da portare nelle sedi interessate. Bisogna fare presto e mettere subito mano alla normativa – conclude – anche attraverso piu’ rigorosi controlli nei porti, nel rilascio delle autorizzazioni doganali e soprattutto, come la nostra organizzazione chiede da tempo, introducendo l’etichettatura obbligatoria per tutti i derivati, a tutela delle scelte consapevoli del cittadino consumatore che puo’ contare cosi’ sulla reale qualita’ del prodotto italiano”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.