De Castro: accordo Pe e Consiglio per tutela qualità alimentare


«Con l’accordo tra Parlamento e Consiglio UE dello scorso mercoledì, si chiude finalmente un percorso lungo e complesso che consente di riformare l’importante sistema dei prodotti di qualità certificata, il nostro Made in Italy alimentare che tutto il mondo ci invidia». Lo ha dichiarato il Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo rurale del Parlamento Europeo Paolo De Castro. «Numerose le novità introdotte dal Parlamento rispetto al testo originario. Innanzitutto, il rafforzamento del sistema di controllo anti-contraffazione attraverso l’autorizzazione per ogni Stato Membro a identificare l’autorità incaricata ai controlli e il possedimento, da parte delle stesse autorità, di requisiti di oggettività, imparzialità e personale qualificato. Per i prodotti DOP e IGP, abbiamo introdotto la possibilità di indicare in etichetta “marchi d’area”, riproduzioni della zona di origine geografica e di riferimenti testuali, grafici o simbolici dello Stato membro e/o regione in cui è collocata tale zona di origine. Recepiti anche gli emendamenti del Parlamento sui prodotti STG, tra cui una procedura “semplificata” per la sostituzione di denominazioni registrate senza riserva del nome come nel caso della nostra Pizza Napoletana. Via libera anche all’indicazione facoltativa “prodotto dell’agricoltura di montagna” e all’estensione della lista di prodotti ammissibili a certificazione europea, con l’inclusione di alcuni simboli del nostro Made in Italy come il cioccolato. Non meno importante, infine, lo stralcio dal dossier delle norme di commercializzazione. Un risultato opportuno per scongiurare di rimettere in discussione i preziosi risultati raggiunti in materia di etichettatura di origine, soprattutto per l’ortofrutta. Unico rammarico la non adesione del Consiglio alla richiesta del Parlamento di estendere la programmazione produttiva del settore lattiero-caseario agli altri prodotti di qualità certificata. Su questo importantissimo tema, ha concluso De Castro, non intendiamo mollare la presa. La battaglia continuerà all’interno del regolamento sull’OCM unica, parte integrante del dossier di riforma della politica agricola comune».

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.