Diminuisce il lavoro nero in agricoltura. Confagricoltura: “gli immigrati sono Dop”

agricoltura generica1
”Il sommerso cala, specie in Nord Italia e i lavoratori extracomunitari diventano indispensabili, per la loro disponibilita’ e una professionalita’ sempre piu’ spiccata. Sono centinaia i casi di ‘immigrati Dop’ nelle imprese agricole italiane”. Lo afferma il presidente di Confagricoltura Federico Vecchioni nel corso del convegno ”Il lavoro ‘vero’ in agricoltura”. In tutto – rende noto Vecchioni – sono 90.000 i lavoratori dipendenti provenienti da Bangladesh, Marocco, India, Albania, Pakistan, Malawi, Tunisia e Sri lanka, mentre la forbice tra gli stipendi riservati agli italiani rispetto gli extracomunitari si e’ ridotta sino a diventare di appena il 2%, quasi 6 volte in meno il settore manifatturiero. Crescono inoltre le imprese a conduzione extracomunitaria, negli ultimi anni aumentate del 26,3%. Quasi 7mila aziende agricole cui si affianca una quota sull’emerso che nel 2008 sfiora il 13% del totale degli addetti in agricoltura. ”Lavoro vero, questo, non lavoro nero – sottolinea Vecchioni, anche se e’ vero che contro il lavoro sommerso in agricoltura possiamo ancora fare molto. A partire dalle scelte su sgravi fiscali e semplificazione burocratica. In questo senso e’ importante la strada avviata con il sistema dei voucher, strumenti utilissimi sia a tutela dei lavoratori sia delle migliaia di imprese agricole in regola”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.