Allarme diossina, l’Italia estende l’etichettatura a tutti i cibi. I festeggiamenti con Coldiretti

Nei giorni scorsi l’emergenza diossina in Germania ha messo a rischio in Italia le vendite di carni suine, uova e latte a lunga conservazione. Per le uova pero’ i consumatori non hanno cambiato abitudini. Il segreto stava nell’etichetta d’origine che per le uova segnala il pese di provenienza, bastava scartare quelle tedesche e si era al sicuro. Per le carni suine e il latte UHT bisogna invece fidarsi perche’ per questi prodotti alimentari non c’e’ ancora l’obbligo di segnalarne l’origine in etichetta. Questione di poco pero’. Domani la Camera dara’ finalmente il via libera alla legge che estende a tutti quei prodotti alimentari che ancora non ce l’hanno l’obbligo di segnalare in etichetta l’origine. La legge avra’ ripercussioni importanti non solo sul mercato interno, ma anche a livello europeo dove il governo italiano sta facendo dell’etichetta d’origine la sua bandiera politica nell’ambito del regolamento Ue sulle informazioni alimentari ai consumatori. Con questa legge l’Italia si porra’ all’avanguardia nella tutela dei consumatori e presto le carni suine, ma anche quelle di agnello come il latte a lunga conservazione dovranno far sapere a chi li compra da dove vengono. Il provvedimento, che nasce dopo piu’ di due anni di traversie, ha goduto negli ultimi passaggi di un percorso privilegiato e accelerato, grazie all’accordo con le opposizioni che hanno ritirato tutti i loro emendamenti. Sono cosi’ stati stralciati al Senato quegli articoli che prevedevano un impegno di spesa. Il testo che avra’ il via libera definitivo dalla commissione agricoltura della Camera e’ composto di 7 articoli e ha il suo fulcro nell’art. 4 che, disciplinando appunto ”l’etichettatura dei prodotti alimentari”, stabilisce l’obbligo di ”riportare nell’etichettatura (…) l’indicazione del luogo di origine o di provenienza e (…) dell’eventuale utilizzazione di ingredienti in cui vi sia presenza di ogm in qualunque fase della catena alimentare” per i prodotti alimentari ”trasformati, parzialmente trasformati o non trasformati”. Spettera’ poi a dei decreti attuativi interministeriali ”definire (…) i prodotti soggetti all’obbligo”. Finalmente otterranno l’etichetta di origine le carni che finora non l’hanno avuta (suini, e quindi i salumi, carni di pecora, agnello e coniglio) e il latte a lunga conservazione, ma anche la frutta e la verdura trasformata, vedi in particolare le aranciate e le spremute di arancia, un comparto dove il prodotto d’origine italiano subisce una concorrenza feroce da parte dei succhi congelati provenienti da paesi extra Ue. Significativo all’interno del provvedimento il rafforzamento del sistema sanzionatorio e di salvaguardia delle produzioni a denominazione protetta (art.2), delle produzioni italiane (art. 3) nonche’ quelle per la produzione e il commercio dei mangimi (art.6) che arriva a prevedere sanzioni amministrative fino a 66.000 euro ”salvo che il fatto costituisca reato”.
Un provvedimento importante se si pensa che ben il 9% degli italiani ritiene che dovrebbe essere sempre indicato il luogo di allevamento o coltivazione dei prodotti contenuti negli alimenti. Il dato emerge da una indagine svolta dalla Coldiretti in collaborazione con Swg. ”Oggi piu’ che mai – sostiene il presidente della Coldiretti Sergio Marini – la nostra legge rappresenterebbe un punto a favore della civilta’ e della democrazia, ma anche un chiaro monito alla Ue: quando forze sociali, consumatori e cittadini fanno squadra e’ possibile sconfiggere le lobby e far vincere la gente, quando e’ in gioco la salute e la sicurezza di cio’ che mangiamo si deve agire subito e non darsi tre anni per pensarci su, come vuole fare l’Europa”.
Coldiretti si prepara a festeggiare ” la legge salva Made in Italy a tavola” con una salsiccia di 100 metri realizzata utilizzando esclusivamente carne italiana. Un insolito record – sottolinea l’organizzazione agricola – per sottolineare il ruolo di leadership che l’Italia si impegna a svolgere in Europa con l’ approvazione di questo provvedimento storico, anche di fronte alle emergenze sanitarie come quella della diossina. Con l’occasione – aggiunge Coldiretti – saranno spiegati i contenuti della norma ed il suo impatto sul piano della sicurezza alimentare, economico ed occupazionale. Sara’ presente il presidente nazionale della Coldiretti Sergio Marini. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.