Direttiva nitrati: assessore ER, Italia viola le norme Ue

Aziende Agricole 4L’emendamento al decreto sviluppo che permette di equiparare le zone vulnerabili a quelle non vulnerabili in materia di inquinamento delle acque a causa dell’uso di fertilizzanti azotati viola la normativa europea e porta l’Italia alla procedura di infrazione. Lo sostiene l’assessore regionale all’ambiente dell’Emilia-Romagna, Sabrina Freda, che ha annunciato che la Regione non applicherà il provvedimento e chiede al governo di intervenire. “Si tratta – ha detto Freda – di una disattenzione gravissima, perché ci mette in cattiva luce con l’Unione Europea, ci fa correre il rischio di avere delle multe e di perdere i soldi comunitari, perché il provvedimento approvato é in contrasto con la direttiva nitrati. Senza contare i rischi per la salute e per l’ambiente. Noi non applicheremo il provvedimento, ma il governo, ed in particolare il ministro dell’ambiente Clini, deve intervenire subito per correggerlo”. Il provvedimento consente di spandere nel terreno 340 kg di composti azotati per ettaro, equiparando per un anno le zone vulnerabili ai nitrati a quelle non vulnerabili. La direttiva comunitaria 91/676 stabilisce invece limiti ben precisi all’immissione di composti azotati nelle acque: 170 kg annui per ettaro. “Con lo stop all’applicazione di questo decreto all’italiana – aggiunge l’assessore – la nostra Regione evita di essere coinvolta nell’apertura di una procedura di infrazione, secondo quanto già anticipato dal Commissario europeo per l’ambiente al ministro Clini. Quindi non modificheremo il perimetro delle zone vulnerabili”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.