Dl Agricoltura: da latte a olio per rafforzare il settore

agricoltura generica1
Sostegno ai settori di latte e olio; aumento delle sanzioni sulle pratiche commerciali sleali nell’agroalimentare; nuove regole per le organizzazioni interprofessionali. Ecco il dl agricoltura, che in 7 articoli punta a rafforzare il comparto. Tra l’altro si aumentano le risorse per il piano oleicolo nazionale a 32 milioni di euro e sale a 21 mln lo stanziamento per il fondo di solidarietà nazionale utilizzato anche per l’emergenza Xylella e si amplia la compensazione per le multe delle quote latte 2014-15. Ecco le principali novità introdotte con gli emendamenti del dl Agricoltura, illustrate dal Mipaaf. – LATTE – Il pagamento delle quote latte in tre rate senza interessi è ammesso anche con una fideiussione assicurativa, non solo bancaria. Per l’ultima campagna di produzione con il regime delle quote è ammessa la compensazione, sempre entro il 6%, a favore delle aziende che hanno superato la propria quota. – OLIO – Sale a 32 milioni la dotazione del Fondo per il settore olivicolo, per arrivare ad una crescita del 25% della produzione italiana nei prossimi anni pari a 650 mila tonnellate. – ORGANIZZAZIONI INTEPROFESSIONALI (OI)- La soglia necessaria a costituire una Oi del latte passa dal 20% al 25% di imprese rappresentate e dal 35% al 40% per gli altri settori. Nei contratti per la cessione del latte si deve rispettare quanto previsto dall’articolo 62, dove, tra l’altro, vengono previste sanzioni fino al 10% del valore dei contratti in caso di violazione. – FONDO DI SOLIDARIETÀ – Viene aumentata la dotazione del Fondo di solidarietà nazionale per le imprese colpite da eventi alluvionali e infezioni di organismi nocivi ai vegetali, con priorità per i danni legati alla diffusione di Xylella, cinipide del castagno e flavescenza dorata; oltre agli 11 milioni previsti per la Xylella, vengono stanziati ulteriori 10 milioni per il 2016 per gli altri interventi. PESCA – Viene finanziato il Fondo di Solidarietà nazionale Pesca con 2,25 milioni per sostenere le imprese colpite da avversità atmosferiche dal 2012. – RIFORMA SIAN – L’Agea, l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura, provvede alla gestione e allo sviluppo del Sistema informativo agricolo nazionale direttamente o con affidamento a terzi mediante l’espletamento di una procedura pubblica, salvaguardando i livelli occupazionali esistenti di Sin. E’ prevista, infine, l’istituzione delle Commissioni uniche nazionali (Cun) per le filiere più rappresentative del sistema agricolo e alimentare, per garantire trasparenza nelle relazioni contrattuali tra gli operatori di mercato e nella formazione dei prezzi.
”Vogliamo far crescere ancora l’agricoltura, potenziando i buonissimi risultati del primo trimestre 2015 che hanno visto una crescita del 6% del Pil agricolo e la conferma che questo settore è strategico anche nella lotta alla disoccupazione”. E’ quanto dichiara il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, in merito al via libera dell’Aula al dl agricoltura, nel ringraziare i deputati, e in particolare i componenti della Commissione Agricoltura per il grande lavoro fatto in queste settimane per alcuni settori strategici. ”Sul fronte del latte – precisa il ministro – abbiamo non solo confermato l’impianto della legge per la tutela del reddito dei 35 mila allevatori italiani, ma rafforzato ancora gli strumenti per gestire il dopo quote; abbiamo poi portato a 32 milioni di euro la dotazione per il Piano olivicolo nazionale per lavorare alla crescita qualitativa e quantitativa del prodotto, puntando su ricerca e innovazione; mentre arriva a 21 milioni la dotazione per il Fondo di solidarietà per dare risposte concrete a emergenze fitosanitarie come la Xylella in Puglia”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.