Dna della vite: in Trentino ricercatori da 17 nazioni al lavoro per salvare la biodiversità

uva nera 1

I vitigni attualmente esistenti su tutto il pianeta sono una grande ricchezza in materia di biodiversità. Per salvaguardarla un gruppo di ricercatori, provenienti da 17 nazioni, si sono incontrati a San Michele all’Adige, in Trentino, per fare il punto sulle attività di ricerca nel settore e creare una banca dati della biodiversita’ viticola. Oltre all’Italia, rappresentata dal Centro Ricerca e Innovazione dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige, partecipano Austria, Azerbaidjan, Croatia, Repubblica Ceca, Cipro, Francia, Germania, Georgia, Grecia, Ungheria, Moldavia, Marocco, Portogallo, Slovacchia, Spagna e Svizzera. Facendo una mappatura delle risorse genetiche della vite, le future generazioni potranno consumare ancora le uve da tavola ed i vini pregiati geograficamente caratterizzati che qualificano il mercato nazionale ed europeo degli ultimi anni. L’obiettivo rientra nel progetto europeo GrapeGen, finanziato dal programma comunitario sulla conservazione, caratterizzazione ed utilizzo delle risorse genetiche in agricoltura.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.