Documento PAC, rischio di tagli sugli aiuti agricoli per l’Italia

Le imprese agricole italiane rischiano una riduzione media degli aiuti che l’Ue versa a produttori europei. Questo alla luce del documento di opzioni su come riformare la politica agricola comune (Pac) dopo il 2013, che la Commissione di Bruxelles approvera’ domani su proposta del commissario all’agricoltura Dacian Ciolos. Il documento, che non e’ una ancora proposta di riforma giuridica, sara’ poi presentato per discussione ai 27 Stati membri a dicembre. I contributi ai produttori italiani, secondo i calcoli della Direzione generale dell’agricoltura alla Commissione europea, sono tra i piu’ alti nell’Ue, superiori di gran lunga a quelli di Germania e Francia. Gli esperti europei, prendendo come riferimento la dimensione netta dei terreni destinati alla produzione (quelli – sostengono – che effettivamente hanno diritto a questi aiuti) sono giunti alla conclusione che i produttori italiani ricevono circa 413 euro di contributi europei l’ettaro, al quarto posto nella classifica Ue dopo Malta, Belgio e Olanda. In particolare, ai produttori tedeschi vanno 318,5 euro l’ettaro; ai francesi 300,2; agli spagnoli 245,7; mentre la media nei 15 vecchi Stati dell’Ue e’ di 295 euro l’ettaro. Fremono i nuovi partner europei dell’est e del nord Europa, i cui pagamenti europei all’ettaro sono pari in media a 209 euro. Fanalino di coda e’ la Lettonia con 95 euro l’ettaro. Ora, in base alle nuove opzioni di riforma della Pac – la prima politica economia europea con il 90% del suo bilancio gestito da Bruxelles – l’Esecutivo punta a riequilibrare i pagamenti diretti agli agricoltori tra i diversi Stati membri dell’Ue, ma anche tra produzioni diverse all’interno dello stesso Paese. Il testo che verra’ approvato domani, di cui l’Ansa ha avuto visione, indica la necessita’ di assicurarsi che ”il sostegno accordato nell’ambito della Pac sia, da un lato, equo e bene distribuito tra gli Stati membri e tra gli agricoltori – riducendo le disparita’ tra gli Stati – e dall’altro, maggiormente indirizzato sugli agricoltori attivi”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.