E’ partito alla Camera l’esame del PDL per i cibi a Km zero

mercato verdura Un pasto medio percorre piu’ di 1.900 km prima di arrivare sulla tavola consumando piu’ di energia di quanta ne fornisca in termini nutrizionali e così, mentre a Copenhagen si discute sul futuro del pianeta, a Roma, in Commissione Agricoltura della Camera, ha preso il via la discussione della proposta di legge Realacci sul ”chilometro zero” che mira a promuovere la domanda e l’offerta dei prodotti alimentari locali, cosiddetti a chilometro zero, perche’ provenienti da filiera corta anche nelle mense di scuole, ospedali e caserme.
La proposta, presentata da Ermete Realacci e Susanna Cenni e sottoscritta già da circa cento parlamentari di tutti gli schieramenti, prevede che l’essere un prodotto a chilometri zero, ovvero proveniente da aree di produzione in ambito regionale o da una distanza non superiore a 70 km dal luogo previsto per il consumo o, quantomeno, con un apporto limitato delle emissioni inquinanti derivanti dal trasporto, possa costituire un titolo preferenziale per l’aggiudicazione di appalti pubblici del servizio di mensa e di ristorazione collettiva. Si prevede, poi, la possibilita’ di riservare agli imprenditori agricoli che esercitano la vendita diretta almeno il 20 per cento del totale dei posteggi nei mercati di dettaglio situati su aree pubbliche e il 30 per cento della superficie delle strutture commerciali. Un’altra novita’ interessante – precisa la Coldiretti, che ha collaborato alla proposta di legge – e’ quella che riguarda la possibilita’, per le grandi strutture di vendita e per i centri commerciali che si impegnano a porre in vendita prodotti a km zero e prodotti di qualita’ in una quantita’ pari al 30%, di ottenere una riduzione del 50% degli oneri di urbanizzazione.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.